Un paio di scarpe per ogni studente 'dimenticato a distanza'. Il flash mob di Priorità alla scuola

E' stato organizzato dal gruppo aretino di Priorità alla scuola e si terrà domani, venerdì 19 marzo dalle 16,30 alle 17,30 in piazza San Jacopo

Venerdì 19 marzo a piazza San Jacopo ad Arezzo il movimento “Priorità alla Scuola” Arezzo invita la cittadinanza ad aderire alla manifestazione statica, in sicurezza, indetta "per denunciare il “silenzio assordante” calato sulle scuole chiuse e per accendere i riflettori sui “dimenticati a distanza”. Porteremo, come altri comitati PaS stanno facendo nel resto d’Italia, un paio di scarpe per ogni studentessa e studente dimenticati dietro un monitor."

Le scarpe depositate per il flash mob silenzioso e senza partecipazione fisica (ognuno lascia le scarpe individualmente nella fascia oraria segnalata) saranno poi raccolte e devolute alla Caritas.

"Alcune scarpe sono volutamente nuove e ancora con il cartellino, perché mai utilizzate dai ragazzi e bambini, perché chiusi in casa. Riaprire le scuole è un’emergenza che non può più aspettare. I bambini, i giovani studenti chiedono risposte alle istituzioni Per ricordare la loro presenza, la loro sofferenza, la loro esistenza alle Istituzioni che li stanno ignorando. Per chi vorrà ascoltare insieme il silenzio assordante calato sui "Dimenticati a Distanza" l'appuntamento è dalle ore 16.30 alle ore 17.30."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cento maestre statali licenziate tornano precarie. Tacconi: "Frutto di una sentenza del Tar, ma così la scuola non può funzionare"

  • "Dopo 16 anni nella paritaria e 4 di ruolo nella scuola statale torno precaria". Il caso della maestra Roberta

  • Il cuore grande di Arezzo, più forte di lockdown e restrizioni

  • Effetto pandemia, quei bimbi aretini che "scrollano" TikTok se non vanno all'asilo

  • Il virus e la fragilità, il racconto della solitudine degli anziani di Arezzo

  • "Forza Ragazzi!". Un laboratorio per la resistenza culturale degli studenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento