Genitori con figli in lista d’attesa ai nidi comunali: i contributi per l’iscrizione nelle strutture private

Le risorse assegnate dalla Regione verranno utilizzate per le spese di gestione indiretta degli asili nido e a favore delle famiglie

Anche per l’anno 2019-2020 il Comune di Arezzo aderisce all’avviso pubblico della Regione Toscana finalizzato a sostenere l’offerta dei servizi educativi per la prima infanzia (3-36 mesi).

Le risorse assegnate dalla Regione verranno utilizzate per le spese di gestione indiretta degli asili nido e a favore delle famiglie che, trovandosi in lista di attesa nella graduatoria comunale dei nidi, iscrivono il figlio presso una struttura educativa privata accreditata.

Per questi genitori, il termine di domanda è venerdì 4 ottobre. Il modulo, disponibile al link https://www.comune.arezzo.it/il-comune/ufficio-gestione-servizi-educativi-e-scolastici/notizie/avviso-pubblico-regione-toscana-fse-2019-2020-finanziamenti-al-sostegno-dell2019offerta-di-servizi-per-la-prima-infanzia-3-36-mesi-1, dovrà essere consegnato al primo piano di palazzo Fossombroni, in piazza San Domenico, dove hanno sede gli uffici dei Servizi educativi. Andrà autocertificato il valore Isee in corso di validità del nucleo familiare, che non dovrà comunque superare i 50.000 euro.

Un master universitario ha formato ad Arezzo gli orafi del futuro

Studenti aretini pronti per un'esperienza all'estera: in partenza con il progetto di Intercultura

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’istituto Aliotti di Arezzo vola all’estero con il progetto Erasmus+

  • Lauree migliori per trovare lavoro

  • I nuovi istruttori di nuoto si formano in terra d’Arezzo

  • Al campus del Pionta il corso di formazione in lingua araba per la mediazione e la sicurezza

  • Stop alle sigarette, è ancora possibile iscriversi al prossimo corso

  • Didacta 2019, premiate le classi campioni di creatività. Studenti aretini protagonisti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento