Cento studenti online per il digital live talk sull’educazione finanziaria con Ubi e Feduf

Cento studenti online dalle regioni di Lazio, Toscana e Umbria per il Digital Live Talk sull’educazione finanziaria con UBI e FEduF

Oltre cento studenti dalle regioni di Lazio, Toscana e Umbria partecipano online oggi al digital live talk "Scegli cosa voglio", realizzato da Ubi Banca e FEduF e ideato da Taxi 1729, che con una modalità coinvolgente presenta ai ragazzi il meccanismo delle scelte, in particolare quelle economiche, strettamente correlato alla gestione dell’incertezza e delle perdite alla luce dell’economia comportamentale.

L’impellente necessità di queste iniziative è ancora una volta confermata dal recente rapporto Pisa (Programme for International Student Assessment) promosso dall’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) che boccia, anche nell’ultima rilevazione, gli studenti italiani. L’indagine evidenzia come i quindicenni italiani abbiano scarsa conoscenza e comprensione dei rischi finanziari e poche competenze per prendere decisioni efficaci nella vita di tutti i giorni. I nostri studenti sono sotto la media, avendo conseguito un punteggio medio di 474 punti contro 505 che costituisce la media Ocse. La percentuale di studenti in grado di risolvere i problemi più difficili è meno della metà di quella registrata a livello medio Ocse (4,5% vs 10,5%). La cosa ancor più preoccupante è, però, che circa il 20% non possiede le competenze minime necessarie per poter prendere decisioni finanziarie responsabili e ben informate.

Durante i sessanta minuti dello spettacolo in streaming gli studenti si avvicinano a concetti di educazione finanziaria attraverso percorsi di logica, matematica, psicologia cognitiva e comportamentale, stimolando al confronto tra quello che sarebbe ragionevole scegliere e quello che normalmente scegliamo, anche a causa delle scorciatoie istintive che ci possono portare fuori strada.

“L’attività di Ubi Banca in favore dell’educazione finanziaria non si ferma e, complice la particolare situazione attuale, si trasforma e arricchisce di nuove iniziative fruibili e condivisibili online. Anche in questa occasione l’Istituto offre ulteriori opportunità a supporto delle comunità in cui opera, con strumenti didattici e linguaggi innovativi utili a raggiungere e coinvolgere giovani e adulti – sostiene Cristian Fumagalli, responsabile macro area territoriale Lazio, Toscana e Umbria di Ubi Banca – Obiettivo comune delle diverse iniziative promosse da Ubi e FEduF, nelle condizioni complesse imposte dall’emergenza Covid-19, è proprio quello di proseguire il percorso di sensibilizzazione nei confronti dell’educazione finanziaria in cui Ubi Banca è impegnata da tempo, coinvolgendo un pubblico sempre più ampio, con un linguaggio rinnovato, dinamico e accattivante, e portando i nuovi format divulgativi online direttamente nelle case dei cittadini”.

In particolare, tale impegno di Ubi Banca nel campo dell’educazione finanziaria, che nel corso dell’anno scolastico 2018-2019 ha interessato più di 17.000 studenti a livello nazionale, è gestito da Ubi Comunità, divisione strategica della Banca che ha l’obiettivo di agevolare la creazione di partnership tra profit, non profit e pubblica amministrazione per la creazione di valore condiviso.

In una società sempre connessa, nell’era dell’evoluzione digitale, si è reso necessario trovare mezzi e linguaggi per parlare a tutti: Digital Live Talk è il nuovo format di FEduF, elaborato insieme a Taxi1729, che grazie a UBI Banca si propone di far conoscere i temi che condizionano la nostra vita quotidiana: in particolare nel corso dell’evento online si parlerà in diretta di come affrontiamo d’istinto le situazioni di incertezza, della nostra avversione alle perdite e della paura di sbagliare perché conoscere i nostri automatismi può aiutarci a prendere più saldamente in mano il timone delle nostre scelte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dalla fotografia scattata dal report Pisa si nota anche un forte divario sulle competenze economiche tra Nord e Sud – ha commentato Giovanna Boggio Robutti, direttore generale della FEduF -  Grazie al sostegno di Ubi Banca offriamo ai giovani studenti delle opportunità di sviluppo delle competenze di cittadinanza economica: conoscere i meccanismi che guidano le nostre scelte e le reazioni del nostro cervello di fronte a situazioni di rischio può infatti aiutarci ad affrontare in modo più consapevole le decisioni economiche delle vita.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maturità: un successo i risultati degli studenti del liceo "Vittoria Colonna"

  • Scuole comunali aperte a luglio

  • Allarme scuola. Un convegno targato Civitas Etruria

  • Studiare in Toscana è sicuro. Oltre 6,5 milioni di misure Covid per studenti e borsisti

  • Stile di vita: l’esperienza del liceo Colonna con il progetto “Dale vida a los años”

  • Leggere ad alta voce al nido ogni giorno sviluppa il linguaggio

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento