Salario minimo, cosa prevede il disegno di legge

Supponiamo che il disegno di legge non subisca variazioni ed analizziamone l’impatto sulle aziende e sui lavoratori applicando l’incremento a 9 euro orarie

Presso la Commissione Lavoro del Senato è in discussione il disegno di legge che prevede l’innalzamento della retribuzione minima oraria a 9 euro lordi
Il provvedimento sta creando molti contrasti nella maggioranza soprattutto in ordine ai dettagli tecnici della proposta ed in particolare se nella determinazione della retribuzione oraria da adeguare, debbano essere inclusi o meno gli elementi della retribuzione cosiddetti indiretti: tredicesima, quattordicesima (per i settori che la prevedono) Tfr, ferie, permessi.

Se da un lato vi è unanime condivisione alla proposta di assicurare ai lavoratori un salario più dignitoso, dall’altro non poche sono le preoccupazioni per l’impatto sulle aziende in termini di incremento del costo del lavoro. 
Nelle ultime ore, sembra farsi strada l’idea di includere nel calcolo della retribuzione almeno la tredicesima e di neutralizzare gli oneri a carico delle aziende riconoscendo ai datori di lavoro un credito di imposta.
Ad ogni buon conto, supponiamo che il disegno di legge non subisca variazioni ed analizziamone l’impatto sulle aziende e sui lavoratori applicando l’incremento a 9 euro orarie ad un contratto nazionale di lavoro tra i più diffusi, quello del commercio.
Come si può notare dalla tabella, i lavoratori che beneficeranno del provvedimento saranno quelli con inquadramento al sesto e settimo livello, trascurando l’irrisoria variazione per quelli collocati al quinto.

Retribuzione_minima2019_ipotesi_ConsulentiLavoro-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stipendio netto mensile dei lavoratori aumenterà di:
Sesto livello =   62,00 Euro
Settimo livello = 137,00 Euro 
Il costo del lavoro per l’azienda subirà un incremento annuo rispettivamente di 1.986,76 euro per i lavoratori inquadrati al sesto livello e di 4.464,23 euro per quelli al settimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 46 scuole di Arezzo aderiscono al progetto "Igiene insieme" per studenti, docenti e famiglie

  • Venditore professionista, ad Arezzo un corso gratuito dedicato ai giovani

  • Parcheggi consapevoli per le scuole: proroga fino alla fine dell’anno

  • Ultimo giorno per iscriversi al master sulla gestione dei conflitti e le azioni umanitarie

  • Le trasformazioni nelle società multietniche. Convegno internazionale

  • Confartigianato. Nuova sessione del corso avanzato di design del gioiello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento