Giornata della Memoria con “Über Alles”

Venerdì 31 gennaio alle ore 21.15 a Le Fornaci si celebrerà la Giornata della Memoria con “Über Alles”. Davvero vivo in tempi bui un progetto di Kanterstrasse a cura di Lorella Serni e Lorenza Guerrini.

“Anche quest’anno Kanterstasse, in questa ricorrenza ha cercato un tema sul quale sviluppare una riflessione - spiega Caterina Barbuti assessore alla cultura. Di fronte a uno spettacolo particolare che vedrà il coinvolgimento di due generazioni, cercheremo di porre attenzione agli orrori del nazifascismo e rinnoveremo l’impegno collettivo di tenere viva la memoria affinché quanto accaduta non possa più ripetersi”.

Lo spettacolo incentrato sui valori di uguaglianza, giustizia e libertà assume una valenza particolare poiché coinvolge gli adolescenti che frequentano il laboratorio di cultura teatrale e il gruppo di adulti che si è avvicinato da poco alle tecniche di formazione teatrale.

In scena ci sono appunto “i testimoni”, coloro che raccontano, in un continuo rapporto dialettico tra le figure degli adulti che ricordano le loro esperienze nel lager, e i loro doppi adolescenti che vivono la terribile esperienza di quello che viene ricordato e che fin dall’inizio sono ombre rievocate in questo “Teatro della Memoria”. La performance prende spunto da La Notte di Elie Wiesel, che racconta la suaesperienza della deportazione, che ha sconvolto la vita e l’animo di un ragazzo di appena 15 anni, un racconto denso di dolore e di umanità, di morte nell’anima delle vittime, e anche dei carnefici, dove si descrive la perdita della fede in Dio di un bambino che si trova a vivere il Male assoluto che sovverte ogni valore umano e lo avvolge per sempre nelle tenebre della “notte” individuale e dell’umanità tutta.

Il racconto prosegue e si confronta poi con brani tratti da Nati colpevoli di Peter Sichrovsky, dove si riportano le testimonianze dei figli dei comandanti e gerarchi nazisti, che sono venuti a conoscenza successivamente di quello che i loro genitori hanno compiuto nei Campi di sterminio o nelle file a sostegno di Hitler, si racconta come vivono il loro passato, cosa pensano e come si comportano rispettoad esso ed alla pesante eredità lasciata dai loro genitori.

In questa doppia prospettiva ci si racconta, ci si confronta, come in un oratorio civile e umano, ma anche etico e politico, un luogo dove si vuole e si deve essere ascoltati, perché la memoria con i sui valori continui a vivere.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • “Notizie di Storia”, periodico semestrale della Società aretina

    • dal 5 giugno al 31 dicembre 2020
  • Libri e letture: la collezione della biblioteca digitale del Valdarno di Sopra

    • Gratis
    • dal 18 aprile 2020 al 1 gennaio 2021
    • Biblioteca Digitale Valdarnese
  • Colori di rinascita. Elia Fiumicelli espone a Stia

    • dal 25 luglio al 1 novembre 2020
    • Ristorante Falterona
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ArezzoNotizie è in caricamento