The Black Blues Brothers, il circo al Teatro Masaccio

Conta già 500 repliche in tutta Europa The Black Blues Brothers, l’acclamato spettacolo che sabato 11 gennaio (ore 21) apre la stagione del Teatro Masaccio di San Giovanni Valdarno. Sulle note della colonna sonora del leggendario film, cinque acrobati con il ritmo e l’energia dell’Africa nel sangue, ma con uno stile americano, inaugurano il cartellone realizzato dall’Amministrazione comunale e dalla Fondazione Toscana Spettacolo onlus. Un sorprendente spettacolo di circo contemporaneo adatto a un pubblico di ogni età scritto e diretto da Alexander Sunny con coreografie Electra Preisner e Ahara Bischoff.  

I Black Blues Brothers portano nel cuore la loro terra, il Kenya. Lì si occupavano di teatro sociale in situazioni difficili ed è forse per questo che ancora oggi quando sono in scena scatenano tutta la loro gioia di vivere. Hanno scoperto che il circo è un potente mezzo di emancipazione e aggregazione ed ora lo trasmettono al pubblico. 

In un elegante locale stile Cotton Club, seguendo le bizze di una capricciosa radio d’epoca che trasmette musica rhythm’n’blues, il barman e gli inservienti si trasformano in equilibristi, sbandieratori, saltatori e giocolieri col fuoco. Ogni oggetto di scena (sedie, tavoli, appendiabiti, vasi e persino specchi) diventa uno strumento per acrobazie mozzafiato inserite in una serie incalzante di gag esilaranti, buffi striptease, spassose sfide di ballo e coinvolgimento costante del pubblico. Sulle travolgenti note della colonna sonora del film, i Black Blues Brothers fanno rivivere ogni sera uno dei più grandi miti pop dei nostri tempi a colpi di piramidi umane, limbo col fuoco, salti acrobatici con la corda e in due cerchi.

Nessuno resiste all’energia dei Black Blues Brothers: lo show ha elettrizzato gli spettatori di prestigiosi teatri, scatenato standing ovation in paesi come Spagna, Francia, Germania, Olanda, Austria, Svizzera, Polonia, Belgio, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lussemburgo.

A seguire, domenica 9 febbraio, due atti unici di Eduardo De Filippo, riuniti dall’attore e regista Carlo Cecchi. Sik-Sik l’artefice magico, scritto nel 1929, racconta la storia tragicomica di un illusionista che, non vedendo arrivare il suo assistente, ha la malaugurata idea di chiedere a un passante di fargli da spalla. Dolore sotto chiave, del 1964, porta in scena il personaggio di Rocco, costretto da sua sorella a rimanere fuori dalla stanza della moglie, gravemente malata. Quando si deciderà a forzare il divieto scoprirà una pesante verità.

Info e biglietti 

Ufficio cultura 

055 9126286 

Palazzo d'Arnolfo Museo Terre Nuove 

055 9126213

info@museoterrenuove.it

Biglietti 

Platea intero €15 / ridotto € 13. Galleria intero €13 / ridotto €11

Riduzioni

"Biglietto futuro" under 30, over 60, soci Unicoop Firenze, soci Associazione Proloco San Giovanni Valdarno, possessori abbonamenti alle stagioni teatrali dei Comuni di Cavriglia, Castelfranco Piandisco, possessori carta dello Spettatore Fts. Per i soci coop è attiva la promozione 1000 punti, mille emozioni. Info e adesioni nei punti vendita Unicoop Firenze.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • La storia di Lou Gehrig con Mario Mascitelli nel GuardaRoba di Officine Foyer

    • Gratis
    • dal 28 al 31 maggio 2020

I più visti

  • Un tour alla scoperta di Piero della Francesca: visita virtuale al museo civico

    • Gratis
    • dal 10 maggio al 30 giugno 2020
    • Museo Civico Sansepolcro
  • CoronArte, gli artisti si raccontano ad Andrea Speziali in una mostra digitale

    • Gratis
    • dal 25 marzo al 5 giugno 2020
    • Salotto Liberty
  • Libri e letture: la collezione della biblioteca digitale del Valdarno di Sopra

    • Gratis
    • dal 18 aprile 2020 al 1 gennaio 2021
    • Biblioteca Digitale Valdarnese
  • L'organizzazione del lavoro al tempo del Covid-19: Alessandra Romano ospite di Prisma - Fase 2

    • solo oggi
    • Gratis
    • 25 maggio 2020
    • Pagina Facebook Arezzo Notizie
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento