Regalo di Natale di Pupi Avati a teatro

Prosegue la stagione di prosa del Teatro degli Antei promossa dal Comune di Pratovecchio Stia e dalla Fondazione Toscana Spettacolo.

Domenica 22 dicembre (ore 21) va in scena Regalo di Natale, adattamento teatrale del celebre film di Pupi Avati, firmato da Sergio Pierattini con la regia di Marcello Cotugno.

Uno spettacolo sul gioco, quello con le carte, ma in misura non meno importante sull’amicizia tradita e sulle relazioni umane, di cui il poker è l’emblema.

Quattro amici di vecchia data Lele, Ugo, Stefano e Franco - interpretati da Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro e Gennaro Di Biase - si ritrovano la notte di Natale per giocare una partita di poker. Con loro vi è anche un “pollo” da spennare, il misterioso avvocato Sant'Elia - interpretato da Gigio Alberti -  un ricco industriale contattato per partecipare alla partita che si rivela ben presto tutt’altro che amichevole. Sul piatto, oltre a un bel po’ di soldi, c’è il bilancio della loro vita: i fallimenti, le sconfitte, i tradimenti, le menzogne, gli inganni.

Tra i più bei film di Avati, “Regalo di Natale”, originariamente ambientato negli anni ‘80, nell’adattamento teatrale è trasposto nel 2008, anno in cui la crisi economica globale si è abbattuta sull’Europa, segnando profondamente la società italiana. In risposta a recessione e precariato, il gioco d’azzardo vive una stagione di fulminante ascesa, e - dalle slot che affollano i bar e al boom del poker texano - si moltiplicano i luoghi e le modalità in cui viene praticato. “Con la sua stringente contemporaneità e la sua universalità fuori dal tempo - spiega il regista - la parabola di Regalo di Natale è il trionfo del singolo sul collettivo, è la metafora del successo di uno conquistato a spese di tutti, è il simbolo di una teatralità doppia e meschina, è un’amara riflessione su come stiamo diventando. O su come forse siamo già diventati. Se il poker è lo specchio della vita, il teatro è il luogo dove attori e spettatori si possono rispecchiare gli uni negli altri. E due specchi messi uno di fronte all’altro generano immagini. Infinite”.

domenica 22 dicembre ore 21.00

Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito,Valerio Santoro, Gennaro Di Biase

REGALO DI NATALE

dal film di Pupi Avati

adattamento teatrale Sergio Pierattini

regia Marcello Cotugno

scenografie Luigi Ferrigno

costumi Alessandro Lai

luci Pasquale Mari

foto di scena Michele De Punzio

produzione La Pirandelliana

Biglietti: posto unico intero € 18

Riduzioni

- € 12 “biglietto futuro” under 30, possessori Carta dello spettatore FTS, associazioni teatrali con sede nel comune di Pratovecchio Stia

- € 8 riservato agli studenti universitari in possesso della carta Studente della Toscana

Vendita biglietti

- da lunedì a venerdì 9-13 e  sabato 9-12 presso l’ufficio cultura in piazza Maccioni 1

- la sera della rappresentazione dalle ore 20 presso la biglietteria del teatro

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Musica, prosa e laboratori. La rassegna di Diesis Teatrango e Teatro Comunale di Bucine

    • dal 17 gennaio al 6 marzo 2021
  • La cucina di Chisciotte, anticipo di stagione per il Teatro Rosini di Lucignano

    • dal 16 febbraio al 9 marzo 2021
    • Teatro Lucignano
  • Spettatori erranti chiama Italia: quattro spettacoli di teatro digitale

    • dal 15 febbraio al 30 aprile 2021

I più visti

  • Valdichiana Village, via ai saldi invernali “intelligenti e sicuri”

    • dal 1 al 28 febbraio 2021
    • Valdichiana Outlet Village
  • "Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

    • dal 4 settembre 2020 al 1 giugno 2021
    • Galleria Ambigua
  • L'Albero d'oro si ammira dal divano di casa. Visite online al museo di Lucignano, come partecipare

    • 28 febbraio 2021
    • Museo Comunale Lucignano
  • Mostra su Fellini al Museo dei Mezzi di Comunicazione

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Mumec - Museo dei Mezzi di Comunicazione
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento