“Bacerò la tua bocca”, tre giovani attrici in scena a Castelsecco

Uno spettacolo nel parco archeologico di Castelsecco. A metterlo in scena sono tre giovani allieve della Libera Accademia del Teatro che alle 18.00 di domenica 13 settembre saranno protagoniste di “Bacerò la tua bocca”, un dramma ispirato al celebre “Salomè” di Oscar Wilde. Martina Albiani, Matilde Bartolozzi e Iris Campriani sono le attrici del corso avanzato Junior della storica scuola aretina che, coordinate dalla regia del maestro Uberto Kovacevich, racconteranno le vicende ambientate nella reggia di Erode con il tragico epilogo del doppio omicidio di Iokanaan (Giovanni Battista) e di Salomè.

Le allieve si alterneranno sul palco indossando, a turno, le vesti dei diversi personaggi della tragedia e proporranno un crescendo emotivo che accompagnerà gli spettatori verso il tramonto, in un teatro particolarmente suggestivo all’aperto e tra le rovine del colle di San Cornelio. Questo spettacolo, promosso insieme all’associazione Castelsecco e ad ingresso gratuito, rappresenta l’epilogo di un lavoro sul testo e sull’interpretazione svolto prima in videoconferenza nei mesi della quarantena e poi nelle lezioni durante l’estate, permettendo alla Libera Accademia del Teatro di proporre un nuovo spettacolo per la città e di fornire ai propri giovani le emozioni di esibirsi dal vivo davanti ad un pubblico. "“Bacerò la tua bocca” - commenta Kovacevich, - vedrà sul palco tre ragazze che, nonostante la giovane età, fanno teatro ormai da molti anni e potranno dunque garantire un dramma di alta qualità. Il testo dell’opera, unito all’area archeologica e alle suggestioni di una serata di fine estate, permetterà di vivere uno spettacolo con un bell’impatto emotivo".

“Bacerò la tua bocca” anticiperà il grande evento di martedì 15 settembre quando, alle 21.15, l’Anfiteatro Romano ospiterà il reading “Sul filo delle parole” che rappresenta la serata di apertura dell’anno di corsi della Libera Accademia del Teatro. I maestri Andrea Biagiotti, Francesca Barbagli, Amina Kovacevich, Uberto Kovacevich e Ilaria Violin proporranno una serie di letture ispirate al “Trattato di funambolismo” di Philippe Petit, il funambolo di fama mondiale che ha attraversato su un filo le distanze tra le guglie di Notre Dame o tra le torri gemelle del World Trade Center, facendo vivere una riflessione sul senso dell’arte nella società contemporanea e sulla continua ricerca di equilibrio nelle diverse situazioni della vita quotidiana. Le parole degli attori saranno accompagnate dalle performance acrobatiche di Elisa Severi di Contraerea, dalle musiche con live electronics di Azzurra Fragale e dal violino di Marna Fumarola, con un connubio tra diverse arti che chiuderà il cartellone della rassegna “Anfiteatro sotto le stelle” voluta da Fondazione Guido d’Arezzo e Comune di Arezzo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • “Notizie di Storia”, periodico semestrale della Società aretina

    • dal 5 giugno al 31 dicembre 2020
  • Libri e letture: la collezione della biblioteca digitale del Valdarno di Sopra

    • Gratis
    • dal 18 aprile 2020 al 1 gennaio 2021
    • Biblioteca Digitale Valdarnese
  • "Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

    • dal 4 settembre 2020 al 1 giugno 2021
    • Galleria Ambigua
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento