Arriva "Mayday", il primo singolo del bassista dei Negrita Giacomo Rost Rossetti

Da venerdì 27 novembre, sarà disponibile su tutte le piattaforme streaming “MAYDAY” (Primal Box/Sony), il singolo di debutto Giacomo "Rost" Rossetti, polistrumentista umbro, da sei anni bassista della band Negrita

Da venerdì 27 novembre, sarà disponibile su tutte le piattaforme streaming “Maydayt” (Primal Box/Sony), il singolo di debutto Giacomo “Rost” Rossetti, polistrumentista umbro, da sei anni bassista della band Negrita.

Dopo anni passati in giro per l’Italia a suonare con i Negrita, Giacomo “Rost” Rossetti ha deciso di ballare da solo. Approfittando di un periodo storico avverso alla musica dal vivo, il polistrumentista umbro ha trascorso gli ultimi mesi lavorando al debutto solista, di cui Mayday è sia singolo apripista che miglior manifesto. Tanto dal punto di vista concettuale, che da quello musicale. Rost si è trovato a confrontarsi con una nuova realtà, fatta di riflessioni sul proprio percorso di vita, prima ancora che artistico. Un momento di forte introspezione, sfociato in un brano che è allo stesso tempo flusso libero di pensieri e presa di coscienza del fatto che una caduta non rappresenti un fallimento, ma bensì il primo passo verso la piena 
realizzazione di sé.  Un pezzo musicalmente oscuro, ma permeato da un senso di estrema positività e dalla voglia di 
rimettersi sempre in gioco.  Perché chiedere aiuto è un vero e proprio atto di forza. Con la sua commistione di stilemi musicali 
differenti, Mayday si prefigge poi di porre le basi per un nuovo linguaggio, capace di trovare equilibrio tra passato e presente, 
tra classico e moderno.

Ecco la nascita di Mayday nelle parole dello stesso Rost:

"Mayday è un brano che parla delle proprie insicurezze in una società che ci vuole perfetti, che ci vuole speciali a ogni costo. In quanto esseri umani siamo tutti speciali, senza poter essere speciali in tutto. Ripercorrendo le tappe di un percorso di vita, le scelte fatte, i sacrifici e le conquiste, nasce la voglia di non arrendersi, di non sedersi sulle proprie vittorie, ma di continuare a perdersi. Considerando i fallimenti come la migliore benzina per continuare sulla strada giusta. Purtroppo, oggi viviamo in una società che non contempla il fallimento, che lubrifica i suoi esempi con una finta patina di perfezione che va a minare le personali insicurezze di ognuno di noi. È solo quando tocchiamo il fondo, quando l'unica cosa che ci resta da fare è chiamare il mayday, che possiamo trovare la forza di cambiare. Cambiare non vuol dire per forza di cose rinnegare ciò che eravamo, ma bensì crescere, migliorarsi, andare avanti con maggior consapevolezza. È così che un messaggio disperato come il mayday acquista un valore positivo e i nostri errori, le nostre strade sbagliate diventano semplicemente delle piccole deviazioni. Necessarie per trovare la strada giusta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento