Pensieri manifesti. Azione urbana per Arezzo 2020 di Simonetta Fratini

Una mostra a cielo aperto, visibile a tutti e incentrata a raccontare i sentimenti di questi ultimi mesi. Si chiama Pensieri manifesti ed è l'ultima iniziativa artistica di Simonetta Fratini

A proposito della "mostra"

Il Coronavirus ha cambiato profondamente le nostre vite: dopo un tempo sospeso fatto di lutti, preoccupazioni e solitudine, abbiamo da poco ripreso il lavoro e una minima vita sociale. Nel frattempo, anche le città erano cambiate, più pulite sì, ma anche più spoglie: non un manifesto o striscione che invitasse a eventi culturali o divertimenti. Da qui la volontà del gestore delle affissioni aretine di realizzare un progetto di comunicazione sociale di Simonetta Fratini: un utilizzo creativo degli spazi cittadini, un tempo deputati alla comunicazione e ora tristemente vuoti. Vale la pena dire che tale azione è stata realizzata gratuitamente, come dono e incitamento alla ripartenza della città. Sono i Pensieri manifesti, ideati per una comunicazione urbana su vasta scala. Rappresentano la visualizzazione di stati d’animo e problematiche attuali, hanno il fine di carpire l’interesse dell’osservatore, usando anche l’ironia e i giochi di parole, in modo da rendere l’avvicinamento meno traumatico verso argomenti tragici o importanti che riguardano la collettività.
L’arte è in questo caso gesto, non solo contemplazione estetica, perché vuole aiutare gli uomini e le donne a risollevarsi, a trovare dentro di sé quelle risorse infinite che l’animo di ognuno possiede per tornare a vivere il presente e immaginare il futuro. L’iniziativa non è a senso unico, tutti sono invitati a commentare, scrivere, fotografare e rimandare attraverso i social la propria impressione all’artista. In un tempo in cui è difficile stare vicini, lo si può fare virtualmente, mettendo insieme ciò che di meglio contraddistingue il genere umano: la capacità di pensare. Il pensiero diviene in questo modo fatto quotidiano, l’immagine sollecita la sensazione e smuove gli intelletti. Condivisione e inclusione, difficili da mettere in pratica fino a poco tempo fa, ora sembrano imprescindibili e necessarie. L’arte, come sempre nella storia, si fa interprete di un cambiamento di mentalità e costumi. Il tratto ben definito, il colore vivace e uniforme, le parole che compongono immagini didascaliche, sono mezzi per arrivare ai pensieri e alle emozioni dell’osservatore, al quale si vuole trasmettere consolazione, speranza, energia. Si parla di pace e violenza, di perdita e ricerca, di dolore e guarigione, di ambiente e molto altro. Si parla della vita di tutti noi.

 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • Genesis. La prima mostra personale di Alessandra Romani

    • dal 28 febbraio al 31 luglio 2020
    • Centro benessere “Corpo e Mente”
  •  “Così lontani, così vicini”, mostra a Stia

    • Gratis
    • dal 26 giugno al 17 luglio 2020
    • Ristorante Falterona

I più visti

  • La notte bianca dello shopping

    • 1 agosto 2020
    • Varie sedi
  • Cinema Eden...si ricomincia. Le proiezioni di giugno e luglio

    • dal 18 giugno al 31 luglio 2020
    • Cinema Arena Eden
  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • I campi solari di Macchia Blu: un'estate di sport, laboratori e giochi

    • dal 15 giugno al 11 settembre 2020
    • S.Maria delle Grazie e S.Francesco Stimmatizzato - Saione
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento