Il meglio dell'agricoltura e della cucina sociale al Mercato Internazionale con “Tuttibuoni Pasta in Strada”

Al Mercato Internazionale che si apre venerdì, il food truck Pasta in Strada, che è stato chiamato “il giallone”. sarà all'incrocio tra via Guadagnoli e via Niccolò Aretino. 

Pasta in Strada è il food truck di “Tuttibuoni” con il quale la Cooperativa Betadue parteciperà al Mercato Internazionale preparando pasta fresca spadellata sul momento con sughi e ricette della provincia di Arezzo. I piatti proposti da Pasta in Strada sono realizzati con prodotti provenienti dalla filiera dell’agricoltura sociale e dalla rete dei produttori del territorio.
Questo il menu: pici cacio e pepe, chitarra alla carbonara, ravioli al sugo e, se non bastasse, ecco le "super polpette fritte", un ricetta della Olga che ha fatto la storia della ristorazione aretina.
Al Mercato Internazionale che si apre venerdì, il food truck Pasta in Strada, che è stato chiamato “il giallone”. sarà all'incrocio tra via Guadagnoli e via Niccolò Aretino
Pasta in Strada e Tuttibuoni sono attività della Cooperativa Betadue che utilizzano e valorizzano le produzioni agricole locali caratterizzate dai progetti di agricoltura sociale che permettono azioni terapeutiche, di riabilitazione e di inclusione lavorativa. "Tuttibuoni è il frutto di un lungo lavoro iniziato negli orti e nei campi - ricorda Gabriele Mecheri, Presidente di Betadue. Abbiamo realizzato collaborazioni importanti, ad iniziare dalla Snam e dalla valorizzazione sociale dei suoi terreni in Valdarno. Poi abbiamo pensato che quei prodotti, piantati e coltivati dai nostri ragazzi, potevano essere utilizzati anche per un ulteriore passo in avanti in direzione della gastronomia e della cucina".
Betadue sottolinea le quattro parole chiave di Tuttibuoni: vicini, sani, gustosi e sociali.

“Vicini – spiega Simone Cipolli di Betadue – perché puntiamo non solo sul chilometro zero ma soprattutto sulla collaborazione dei cooperatori e dei piccoli produttori locali. Il perché delle parole sani e gustosi: puntiamo sulla qualità. Sia dei prodotti che acquistiamo che dei piatti che cuciniamo con essi. Il termine sociali è connesso all’impatto sociale delle nostre attività. Siamo presenti in molte aree: dall’igiene urbana alla logistica, dai trasporti alla comunicazione. Il cibo in generale e quello di strada in particolare rappresentano strumenti importanti per far lavorare persone che altrimenti avrebbero ben poche alternative e, contemporaneamente, valorizziamo passioni e competenze che molti nostri soci hanno”.
Tuttibuoni è un’idea che funziona: "nel settembre dello scorso anno abbiamo partecipato al Mercato Metropolitano di Londra. Quest'anno siamo stati e continuiamo ad essere presenti in varie città italiane: Reggio Emilia è solo l'ultima della lista.  Adesso siamo al Mercato Internazionale di Arezzo: un appuntamento al quale teniamo molto perché questo è il nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra tir in A1: corsia a lungo chiusa, caos traffico. Due feriti estratti dalle lamiere

  • Buoni postali fruttiferi, risparmiatore ottiene 9mila euro in più di interessi. Il caso spiegato dall'avvocato Bufalini

  • "Ciao Nicola, gigante dal cuore gentile". Croce Rossa e Sbandieratori in lutto per l'improvvisa scomparsa di Bocciardi

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Resta chiuso l'America Graffiti. Lavoratori in ansia

  • Mamma e figlia di 3 anni inseguite e minacciate per via di un parcheggio: "Siamo dovute correre dentro l'asilo"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento