Torna la Festa del Perdono a San Giovanni Valdarno: il programma

  • Dove
    Centro storico
    Indirizzo non disponibile
    San Giovanni Valdarno
  • Quando
    Dal 10/09/2020 al 14/09/2020
    Vari orari
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
    Evento per bambini

Dopo gli appuntamenti estivi è il momento di dare spazio ai tradizionali appuntamenti autunnali che, come prevedibile e precedentemente comunicato, si svolgeranno in veste diversa a causa della normativa anti-contagio da Covid-19.

Con l’arrivo dell’autunno inizia infatti Ssettembre sangiovannnese, la rassegna di eventi che comprende la Festa della Rificolona, la Festa del Perdono e tante altre iniziativi riguardanti musica, teatro e cinema all’aperto. La Rificolona quest’anno è stata celebrata lunedì 7 settembre in presenza dei partecipanti alla gara di rificolone e zucche, e tramite una diretta on line a cura dell’Associazione Pro Loco Roberto Costagli per far partecipare tutti i cittadini anche se virtualmente.

Giovedì 10 settembre torna il tradizionale appuntamento con la Festa del Perdono a San Giovanni Valdarno.

Il Perdono 2020, organizzato come da tradizione in collaborazione con l’Associazione Proloco, assume quest’anno una veste particolare. Non vi saranno il luna park, né lo svolgimento dello spettacolo pirotecnico del lunedì sera, entrambi eventi ritenuti dalle autorità a forte rischio di assembramenti, ma le festività si svolgeranno con un ricco programma di spettacoli, che valorizzeranno la tradizione, la musica, la storia, il teatro e la letteratura. Si inizia giovedì 10 settembre, in Piazza Masaccio, alle ore 21:30 con l’apertura delle Feste del Perdono alla presenza del gonfalone della città e della Famiglia del gonfalone di Firenze, per poi proseguire con gli interventi musicali e teatrali a cura del Museo delle Terre Nuove e dell’Associazione Mus.e; un racconto in rima, fatto da un trovatore, di antiche storie e leggende su Castel San Giovanni, impreziosito da “Chominciamento di gioia”, un insieme di musiche e danze medievali eseguite dall’Ensemble Micrologus, gruppo vocale-strumentale di fama internazionale specializzato nell’esecuzione di musiche medievali, riprodotte con una lettura filologica degli spartiti, con l’utilizzo di strumenti che riproducono gli strumenti del tempo e con una vocalità che si basa su quella originale del tempo in cui le musiche furono scritte.

I festeggiamenti per il Perdono proseguono con un omaggio al grande cantautore Fabrizio De André, nell’anno in cui si ricordano gli ottanta anni dalla nascita. Venerdì 11 alle 21.30 in Piazza Masaccio è infatti il turno del concerto “NON CHIAMATELO POETA – PAROLE E CANZONI DI FABRIZIO DE ANDRÉ”. Letizia Fuochi, insieme a Francesco Frank Cusumano (chitarra e mandolino) e Andrea Laschi (percussioni) faranno rivivere le più belle canzoni del cantautore genovese.

Anche nella terza serata del Perdono sarà protagonista la musica. Farà infatti tappa a San Giovanni Valdarno, in Piazza Masaccio, sabato 12 settembre, alle 21.30, con il suo “E io ci sto – tour 2020”, la RINO GAETANO BAND, la tribute band ufficiale di Rino Gaetano, creata dalla sorella del cantautore scomparso per mantenerne vivo il ricordo e le canzoni, e per continuare a regalare al pubblico le emozioni che il cantautore crotonese sapeva dare come pochi altri. Leader della band è Alessandro Gaetano, nipote di Rino.

Molte le iniziative in programma domenica 13 settembre. Si inizia alle 8, in Piazza Cavour, con il ritrovo per la partenza della Marzocchina, la pedalata con vecchie bici e maglie di lana, che giunge quest’anno alla sua ottava edizione. Attrezzatasi per adempiere tutte le prescrizioni e le attenzioni previste dalla normativa anticovid, la ciclostorica a partecipazione gratuita del Valdarno resiste e fa già registrare un numero elevato di iscritti. Tre i percorsi previsti, in tracciati che si svolgono per buona parte in strade chiuse al traffico, tra cui le suggestive strade bianche dell’area mineraria di Santa Barbara, messe a disposizione per il sesto anno consecutivo da Enel, tra ormai figura tra i main sponsor dell’iniziativa organizzata da Confcommercio e Proloco di San Giovanni.

E se la giornata inizia all’insegna del vintage con la Marzocchina, la storia e la tradizione saranno la cifra di questa domenica 13 settembre. Il centro storico della città sarà infatti lo scenario di SCOPRI SAN GIOVANNI VALDARNO: il Centro Guide di Arezzo e Provincia porta anche nella città del Marzocco la felice formula di visite guidate per i centri storici delle città, già attuata in altri Comuni della Provincia. Due le visite previste, alle 9.45 e alle 14.45, della durata ciascuna di circa un’ora e quindici minuti, e del costo di 10 euro a persona (gratuito per bambini fino a 12 anni). Un’occasione per tutti per scoprire o riscoprire gli spazi più belli del nostro centro storico, arricchita dalle spiegazioni delle guide professioniste autorizzate del Centro Guide di Arezzo. Un’offerta rivolta anche ai partecipanti alla Marzocchina e ai loro accompagnatori che provengono da fuori città, per scoprire le bellezze della città di Masaccio. Dato il numero contingentato di posti per il rispetto della normativa anti-covid, è obbligatoria la prenotazione, da effettuarsi entro le ore 13 di sabato 12 settembre presso la Proloco di Piazza Cavour.

Anche il Museo delle Terre Nuove, in collaborazione con l’Associazione Mus.e, si rende protagonista della storia e delle tradizioni in questa domenica 13 settembre. Alle ore 12 e alle 15 è prevista una visita guidata al Museo per scoprire le origini di Castel San Giovanni e il fenomeno delle Terre Nuove medievali. Alle ore 10.30 e alle 16.30 il Museo delle Terre Nuove organizza il consueto appuntamento di attività per famiglie “Alla scoperta di Castel San Giovanni”, per scoprire le tracce di Castel San Giovanni e imparare a “leggere” la città.

Le iniziative di domenica 13 settembre si concludono – all’insegna della storia, della letteratura e del teatro - con uno spettacolo in piazza Masaccio, alle 21.30. Se il covid è stato definito “la peste del 2020”, non poteva mancare, in una giornata dedicata al Medioevo e alla tradizione, il richiamo ad una delle pestilenze più celebri narrate nella letteratura italiana. Di qui l’idea di proporre uno spettacolo, a cura del Museo delle Terre Nuove e dell’Associazione Mus.e, basato sul Decameron di Giovanni Boccaccio. “IN TANTA TURBAZIONE DI COSE” è infatti una rappresentazione di novelle scelte del Decameron, di e con Alberto Galligani, per riflettere sul presente, pensando al passato, attraverso il medium del teatro.

Lunedì 14 settembre, tradizionale giornata di festeggiamenti, si terrà per l’intera giornata la tradizionale Fiera del Perdono in Corso Italia. Si esibiranno alle 18, in Piazza Masaccio, I RAGAZZI D’ARNOLFO; alle 21.30 è prevista la conclusione dei festeggiamenti del Perdono con il tradizionale CONCERTO DEL PERDONO, a cura del Concerto Comunale di San Giovanni Valdarno.

Mancherà quest’anno il tradizionale spettacolo pirotecnico che chiudeva i festeggiamenti la sera del lunedì. Sarà tuttavia sostituito – nelle serate di venerdì 11, sabato 12, domenica 13 e lunedì 14 settembre - da un suggestivo spettacolo di videomapping, con proiezioni su Palazzo d’Arnolfo e la Basilica di S. Maria delle Grazie: “THE FAKE FACTORY – DIGITAL ART EXPERIENCE” il titolo dell’evento, realizzato a cura di Casa Masaccio Centro per l’Arte Contemporanea. E saranno proprio le ultime proiezioni di videomapping la sera di lunedì 13, dopo l’esibizione del Concerto comunale, a sostituire il tradizionale spettacolo pirotecnico e chiudere formalmente i festeggiamenti per questa inconsueta edizione del Perdono 2020.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Libri e letture: la collezione della biblioteca digitale del Valdarno di Sopra

    • Gratis
    • dal 18 aprile 2020 al 1 gennaio 2021
    • Biblioteca Digitale Valdarnese

I più visti

  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • “Notizie di Storia”, periodico semestrale della Società aretina

    • dal 5 giugno al 31 dicembre 2020
  • Libri e letture: la collezione della biblioteca digitale del Valdarno di Sopra

    • Gratis
    • dal 18 aprile 2020 al 1 gennaio 2021
    • Biblioteca Digitale Valdarnese
  • "Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

    • dal 4 settembre 2020 al 1 giugno 2021
    • Galleria Ambigua
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento