Zero Spreco di talenti: il Warehouse Decibel Festival con Lo Stato Sociale, Fred De Palma e Coez

Nell'ambito del progetto “Zero Spreco” venerdì 8 settembre nell'area verde di San Zeno a partire dalle 17.30 appuntamento con la quarta edizione di Warehouse Decibel Fest, il festival dell'associazione Music, organizzatrice anche del Mengo Music...

LSS_10_uniback web

Nell'ambito del progetto “Zero Spreco” venerdì 8 settembre nell'area verde di San Zeno a partire dalle 17.30 appuntamento con la quarta edizione di Warehouse Decibel Fest, il festival dell'associazione Music, organizzatrice anche del Mengo Music Fest, con il patrocino del Comune di Arezzo e il contributo di Aisa Impianti, Sipra, C.M.G. e la collaborazione di Oxfam Italia. Warehouse Decibel Fest presenta alcuni tra i migliori gruppi emergenti locali, provinciali e regionali insieme ad ospiti di spicco del panorama musicale nazionale e internazionale, proseguendo il lavoro di sviluppo di un modello di cultura musicale che privilegi il concetto di “diversità musicale”. Un lavoro che già è stato intrapreso e sviluppato con notevoli e importanti risultati nell'ambito del Mengo Music Fest e in tutta una serie di iniziative promosse dall'associazione Music che animano Arezzo e provincia durante tutto l'anno.

Warehouse Decibel Fest prende il via venerdì 8 settembre alle 17.30 con le band finaliste di “RicreAR Music Live Contest”, il contest per band musicali emergenti provenienti da tutta Italia, nel cui organico vi sia almeno un elemento iscritto alle Scuole medie o Scuole Superiori, promosso in collaborazione con Oxfam Italia. Le 6 band selezionate per sfidarsi nell'ambito del festival sono Walking souls, La Malinconia Della Luna A Mezzogiorno, District Line, Name Apart, Blacklights, The Black Dolly. Giudicate da una giuria formata da Enrico “Drigo” Salvi e Cesare “Mac” Petricich dei Negrita, oltre a Giusi Nibbi, collaboratrice del management dei Negrita, Paolo Alberta, sound engineer e Guglielmo Ridolfo Gagliano, collaboratore dei Negrita il primo classificato si aggiudicherà, grazie alla collaborazione di AMA – Arezzo Music Academy, la possibilità di usufruire di 3 giorni di registrazioni e mixaggio a cura dei docenti e tecnici di AMA per la realizzazione di almeno tre brani inediti della band. Date e modalità saranno concordate direttamente fra la band e AMA – Arezzo Music Academy. Il secondo classificato avrà la possibilità di partecipare alla 14° edizione del Mengo Music Fest che si terrà a luglio 2018 ad Arezzo, mentre il terzo classificato avrà la possibilità di esibirsi nella stagione invernale 2017/2018 del Karemaski Multi Art Lab in apertura a un concerto di una importante band ospite.

A seguire il festival presenta i tre artisti headliner della 4° edizione, Fred De Palma, nome d’arte del rapper Federico Palana, classe 1989. Fred si avvicina alla cultura hip-hop nel 2008 partecipando a vari contest fra Milano e Torino. Nel 2010 conosce Dirty C e con lui fonda i Royal Rhymes. Messi sotto contratto dalla Trumen Records, debuttano nel 2012 con l’album omonimo. Intanto De Palma continua l’attività di freestyler che lo porta davanti alle telecamere di “MTV Spit”. Il suo album di debutto F.D.P. del novembre 2012 è prodotto con Double H Groovy, Zef, Drop, BigZilla, Vox P, Dj Fede. Nel 2013 partecipa a una nuova edizione di “MTV Spit” arrivando al terzo posto. Nel 2014 arriva il secondo lavoro LETTERA AL SUCCESSO. Il singolo “Rodeo”, con ospite Gué Pequeno, è accompagnato da un videoclip ambientato sul set di un film porno dove Rocco Siffredi interpreta la parte di un tecnico. Nel 2015 arriva BOY FRED, nuovo album di inediti, che esce per la Warner.

Coez, una delle rivelazioni italiane a partire dal 2013 ha presentato il suo primo album ufficiale, prodotto da Riccardo Sinigallia, “Non erano fiori” (Carosello Records) è entrato direttamente in top 10 della classifica ufficiale GFK restandoci per 4 settimane. Un crossover tra rap e canzone d’autore unico in Italia che ha conquistato le radio, la stampa (da Rolling stone a Vanity fair, da Repubblica a il Corriere della sera) ed MTV (è stato scelto come artista del mese di gennaio 2013 e sposato dal canale tematico per tutto l’anno). E’ arrivato in finale al “Music Summer Festival” su Canale 5 nell’estate 2013. I numeri sul web sono elevatissimi e sempre in crescita: oltre 130mila fan su Facebook, oltre 22mila follower su Twitter, oltre 38mila su Instagram. I suoi video totalizzano oltre 5 milioni di visualizzazioni. Coez, inizia il suo percorso musicale a 19 anni grazie al rap, dando vita assieme a due amici, al gruppo “Circolo Vizioso”. Producono il primo demo mixtape omonimo e, dopo un paio di anni, il primo disco ufficiale, “Terapia”, prodotto da Ford 78 e Sine. Nel 2007, la conoscenza tra Lucci, membro del gruppo Unabombers, e i due restanti componenti del Circolo Vizioso, porta alla formazione della crew Brokenspeakers. Con il passare del tempo Coez sviluppa una certa maturità di scrittura e di sound, mantenendo la costante delle tematiche che lo hanno caratterizzato fin da subito: toni struggle, amori tormentati e situazioni difficili specchio della sua generazione. Nel 2011 Coez si avvicina all’elettronica con “Fenomeno Mixtape”, in cui è più marcata la svolta artistica già intrapresa nel precedente album solista. Inizia quindi la collaborazione con Sine: “E invece no” è il brano che raggiunge in soli due mesi migliaia di visualizzazioni su Youtube e una diffusione a macchia d’olio nei social network. Nel 2012 l’artista romano intraprende una stretta collaborazione con Riccardo Sinigallia, con il quale lavora assiduamente sul nuovo progetto discografico. Il risultato di questa importante contaminazione artistica, è il primo disco ufficiale, prodotto dallo stesso Senigallia, uscito a giugno 2013 per Carosello Records. “Non erano fiori” è un album emotivo, che unisce testi emozionali, immagini forti e dirette con melodie che spaziano dal pop all’elettronica e riuscendo a creare atmosfere intime e suggestive. Il tutto valorizzato dalla produzione di Sinigallia che anni dopo il lavoro fatto con “Quelli che benpensano” di Frankie Hi-NRG, è riuscito nuovamente a valorizzare e inserire un artista nato dal mondo rap, in un contesto crossover dove parole e musica raggiungono la miscela perfetta. Nel 2014 Coez è impegnato con il suo “Non erano fiori tour”, che lo porta in giro per tutta Italia. Firma inoltre assieme a Gemitaiz & MadMan la hit della scorsa estate “Instagrammo”. Il 2014 si chiude con la data sold out il 23 dicembre all’Atlantico di Roma. Ha partecipato al nuovo disco di Marracash nel brano “A volte esagero” (feat. Salmo) Il nuovo disco di COEZ “Niente che non va” è uscito il 4 settembre 2015 su etichetta Carosello Records ed è entrato direttamente al 2° posto della classifica degli album più venduti. Con questo importante risultato l’artista romano si afferma come uno dei rappresentanti più amati e apprezzati del nuovo cantautorato italiano.

A chiudere la 4° edizione di Warehouse Decibel Festival sarà Lo Stato Sociale, band attiva dall’estate del 2009. Lo Stato Sociale è la storia nella storia di un’amicizia, quella tra Alberto Cazzola, Alberto Guidetti e Lodo Guenzi, nata attorno ai microfoni di Radio Città Fujiko a Bologna. Succede che i due Alberto fanno musica insieme da anni, succede che Lodo dopo essersi diplomato in accademia a Udine torna a Bologna. A casa sua Alberto Cazzola ha nel frattempo allestito una piccola sala prove, chiamata il rifugio. Fanno qualche concertino e scoprono che il gioco gli piace, allora, con fatica e grazie alla collaborazione dell’amico Paolo Torreggiani (My Awesome Mixtape) pubblicano un primo ep, Welfare Pop.Lo Stato Sociale live. Da lì, in pochi mesi, cambia tutto. 90 date in tutta Italia e un crescente clamore attorno, il consolidarsi come una delle realtà live più fresche e coinvolgenti che si possano incontrare sul suolo italico e la crescente fama su internet. I tre diventano poi cinque, con altri 2 membri all'elettronica. Nel 2011 la band pubblica un paio di singoli digitali in esclusiva per Italian Embassy e per Rockit in preparazione dell’uscita, ad aprile, dell'EP "Amore ai tempi dell’Ikea" (Garrincha Dischi). A Febbraio 2012 è uscito il loro primo vero e proprio album, "Turisti della democrazia", subito accompagnato da un tour ricchissimo di concerti e pubblico in rapida e costante crescita. Tra Febbraio e Maggio 2013 hanno presentato un nuovo spettacolo "Tronisti della democrazia", spettacolo di teatro-canzone composto da corti teatrali e brani del disco d’esordio riarrangiati per l'occasione, accompagnato dall'edizione deluxe dell’album. Il tour di “Turisti della democrazia” si è concluso il 21 Settembre 2013 all'Estragon di Bologna. Dell'evento è stato pubblicato un film/documentario, “Ultimo concerto da turisti”, per raccontare la fine di un ciclo durato 200 concerti. Una festa piena di ospiti, amici e fans giunti per l'occasione da tutta Italia. Il 14 aprile 2014 viene pubblicato in esclusiva su iTunes il singolo "C'eravamo tanto sbagliati", anticipazione dal secondo album della band. Il brano si posiziona subito in testa alla classifica dei più venduti sulla piattaforma sorpassando Happy di Pharrell Williams. L’1 maggio esce il secondo singolo “Questo è un grande paese” con la collaborazione di Piotta e Max Collini degli Offlaga Disco Pax, il cui video, realizzato dall’illustratore Sio (Scottecs tv) è stato per oltre una settimana tra i clip più popolari su Youtube, superando le 200.000 visualizzazioni in meno di 10 giorni. Il 2 giugno dello stesso anno è uscito il secondo album “L’Italia Peggiore” a cui segue un lungo (32 date) tour estivo nei principali festival e città in Italia che registra oltre 70.000 presenze. Il tour che segue nell’inverno 2014 e nella primavera 2015 de Lo Stato sociale tocca più volte l’Europa (Bruxelles, Amsterdam, Londra, Parigi e Berlino) e nei club conta 20 sold-out su 20 concerti, e porta la band sul palco del Primo Maggio di Roma e la partecipazione in diversi programmi televisivi e radiofonici di primo piano. Il tour si chiude il 21 Novembre 2015 con il concerto sold out al Paladozza di Bologna che ha visto salire sul palco, insieme a Lo Stato Sociale, i 99 Posse, Altre di B, Brunori SAS, The Bluebeaters, Max Collini, COSTA!, Duncan Project (coreografie di Michela Ercolani), Gnu Quartet, Magellano e Tre Allegri Ragazzi Morti.

I cambi palco tra un artista e l'altro sono affidati a djs di Factori e Vogue Party con le loro sonorità indie, electro e house.

Ristorazione a cura di Street Food Italia

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Tutti gli appuntamenti di Warehouse Decibel Fest sono a ingresso gratuito.

Sempre attivi bar e mercatino di artigianato e gadgets.

Navette gratuite andata/ritorno da piazza Guido Monaco a partire dalle 21

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento