Veronesi show al Passioni Festival: aneddoti, risate e applausi. E a maggio arriva Silvio Muccino

“Dopo il Ciclone tornammo in Casentino perché ci dettero la cittadinanza onoraria. Avevamo girato il film tra Poppi e Stia. Alla cerimonia feci confusione tra i due paesi, una figura”. Un aneddoto dopo l’altro, partendo dalla provincia di...

veronesi-passioni

“Dopo il Ciclone tornammo in Casentino perché ci dettero la cittadinanza onoraria. Avevamo girato il film tra Poppi e Stia. Alla cerimonia feci confusione tra i due paesi, una figura”.

Un aneddoto dopo l’altro, partendo dalla provincia di Arezzo per finire con James Brown. In mezzo Cecchi Gori, Robert De Niro e David Bowie. E poi la dolcezza nel ricordo dei genitori, il rapporto con il fratello (“il talento di famiglia”) e il racconto delle quattro vite di Francesco Nuti. Giovanni Veronesi mattatore all’Arezzo Passioni Festival: l’attore, regista e sceneggiatore toscano ha fatto ridere, ma anche commuovere e riflettere. E gli applausi scroscianti del foltissimo pubblico hanno scandito il ritmo dell’intervista condotta dal direttore artistico della kermesse Andrea Scanzi. Veronesi si è presentato sul palco di un Circolo Artistico gremitissimo dopo l’introduzione dei coordinatori della manifestazione, Marco Meacci e Mattia Cialini. Poi è iniziata la conversazione, diventata un irresistibile show. Dalle nuotate con Vittorio Cecchi Gori (“una volta fu punto ai piedi dai ricci di mare. Un dolore boia, ma lui non disse niente. Una soglia del dolore pazzesca”), alle squisite cene con Aurelio De Laurentiis.

Dal rapporto con Verdone e Pieraccioni a quello con Francesco Nuti, di cui ha sceneggiato grandi successi: “Francesco – ha ricordato – ha vissuto tre vite, quella da perito chimico, poi quella da grande attore e quella da alcolizzato. Ora ne vive una quarta, in una clinica a Roma. Ho un rapporto speciale con Francesco, mi ha presentato la mia prima moglie. Passo a trovarlo una volta a settimana. Non riconosce tutti, non parla, ma è vivo: Francesco c’è ancora. Ed è questo l’importante per me. I suoi sono sorrisi deformati dalla malattia, ma sono ancora i suoi sorrisi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C’è tempo anche per un pensiero alla sua famiglia, dal ricordo dei genitori scomparsi allo speciale rapporto con il fratello, lo scrittore Sandro Veronesi: “E’ un talento, è un intellettuale. Ma soprattutto è il mio faro, quando ho un problema parlo con lui”. Inevitabile un passaggio su Manuale d’Amore, il suo più grande successo. “Ho raccontato i miei drammi – ha sorriso – e mi sono fatto pagare. Di solito bisogna pagare per raccontare i propri drammi all’analista”.

E ancora una raffica di aneddoti, da Robert De Niro (“è fuori di testa: pensate che si è fatto dirigere da me dopo Martin Scorsese”) a David Bowie (“non voleva cani che abbaiassero nel raggio di 3 chilometri dal luogo delle riprese), da James Brown (era l’ospite di una festa privata, dopo il concerto l’ho visto di notte fare il bagno in mare con un lumino da minatore”), agli animali sul set (“una volta prendemmo un pitone di 4 metri, era agitato e si mise a dare frustate nelle gambe a tutti quelli che passavano”). Delicatissimo, infine, il ritratto di Massimo Ceccherini: “Ha un talento enorme e una faccia espressiva. Ha tutto. Ma poi ha questa dannazione, lui è un numero uno che non ha giocato la serie A. Perché? Perché non si compromette, rimane sempre se stesso”. Al termine il pubblico ha omaggiato l’ospite con una lunga ovazione, poi autografi e selfie. La serata, realizzata con il sostegno di Ingram, Estra, Sabot, Coingas, Atlantide Adv, Italpreziosi, Falcinelli Diamanti e in collaborazione con Tenuta Sette Ponti, Vogue Hotel, Ristorante La Pieve, Comune di Arezzo, La Feltrinelli Point, non è stata però l’ultima prima dell’edizione estiva di giugno. A fine maggio l’Arezzo Passioni Festival ospiterà l’attore e regista Silvio Muccino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento