Giovedì, 23 Settembre 2021
Cultura

Un gigante del nostro tempo ad Arezzo, Super Benni tira la volata al Passioni Festival estivo

Una grande serata ha spalancato le porte alla quinta edizione estiva del Passioni Festival. Immenso Benni, mattatore dell'anteprima al Circolo Artistico di Arezzo. Un evento da tutto esaurito nel corso del quale gli organizzatori hanno annunciato...

binderclick0189

Una grande serata ha spalancato le porte alla quinta edizione estiva del Passioni Festival. Immenso Benni, mattatore dell'anteprima al Circolo Artistico di Arezzo. Un evento da tutto esaurito nel corso del quale gli organizzatori hanno annunciato le date dell'Arezzo Passioni Festival 2017, in programma dal 26 al 30 giugno nell'area del cinema Eden di via Guadagnoli: cinque giorni di grandi eventi tra letteratura, musica, cinema e spettacolo.

Nell'attesa, è stato servito un antipasto che ha soddisfatto i palati più esigenti, lo scrittore bolognese ha incantato il foltissimo pubblico presente per un'ora e mezzo.

Benni, intervistato dal direttore artistico della kermesse e suo amico Andrea Scanzi, ha parlato del suo ultimo romanzo, Prendiluna (edito da Feltrinelli), in vetta alle classifiche di vendita in Italia. Ha svelato qualcosa del mondo del libro, sospeso tra realtà e sogno, e ha parlato dei riferimenti all'attualità, alla cultura, alla storia; da quelli palesi e quelli più nascosti - come pietre preziose da scovare - di cui le pagine dei suoi romanzi sono disseminate.

Ricorre spesso, ad esempio, la figura del lupo. "E' il mio soprannome - ha detto Benni -. Me lo guadagnai da piccolo. Una notte passeggiavo con i miei undici cani. Loro iniziarono ad ululare. E lo stesso feci io. Un vicino mi scoprì e lo disse a mio nonno. Mia madre chiamò lo psichiatra - ha ricordato con sorriso -. Il soprannome 'lupo' mi è rimasto appiccicato".

E non si è sottratto alle domande di Scanzi, che hanno abbracciato le opere passate dello scrittore, la sue molteplici attività - da sceneggiatore a umorista, da romanziere a poeta - e la sua vita privata. "Il libro che ha decretato il mio successo è stato Bar Sport, pubblicato quarantuno anni fa. L'ho amato e odiato. E' un volume 'facile', non è il mio preferito. Ma riconosco che ha allargato notevolmente il mio pubblico".

Chiusura con una battuta su Beppe Grillo, con cui Benni collaborava. "A un certo punto è partito per una direzione che non condivido - ha detto -. Con lui avevo una collaborazione molto libera. Gli scrivevo le battute, ma lui non è un attore da copione, si dimentica: è un grande intrattenitore, improvvisa. Ricordo con piacere gli esordi del blog: facevamo vera controinformazione ed eravamo in sintonia. Poi lui ha scelto un'altra strada, con idee che spesso non condivido. Continuiamo a sentirci ma non parliamo di politica. In ogni caso, non parlerò mai male di lui".

L'appuntamento è stato introdotto da Marco Meacci, ideatore della kermesse, e dal giornalista Mattia Cialini. I coordinatori della rassegna hanno poi anticipato le date e la location della kermesse estiva, che sarà la più ricca di sempre.

La serata è stata preceduta da un ricco buffet offerto da Prodigio Divino. L'evento è stato trasmesso in diretta facebook sulla fanpage Arezzo Passioni Festival da Atlantide Adv in collaborazione con Binder Click.

L'Arezzo Passioni Festival è sostenuto da Prodigio Divino, Tft, Estra, Sabot, Italpreziosi, Atlantide Adv, Vogue Hotel, ristorante La Pieve, Graziella Patio Hotel, La Feltrinelli Point Arezzo e Centro di estetica di Sonia dalla Ragione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un gigante del nostro tempo ad Arezzo, Super Benni tira la volata al Passioni Festival estivo

ArezzoNotizie è in caricamento