"Un comico fatto di sangue”, il 2016 del teatro di Cavriglia si apre con l'attesissimo ritorno di Benvenuti

Non avrebbe potuto aprirsi in modo migliore il 2016 della Stagione Teatrale promossa dall'Amministrazione Comunale di Cavriglia. Venerdì 8 gennaio alle 12 e 30 infatti, è in programma lo spettacolo “Un comico fatto di sangue” di e con Alessandro...

Alessandro Benvenuti-2

Non avrebbe potuto aprirsi in modo migliore il 2016 della Stagione Teatrale promossa dall'Amministrazione Comunale di Cavriglia. Venerdì 8 gennaio alle 12 e 30 infatti, è in programma lo spettacolo “Un comico fatto di sangue” di e con Alessandro Benvenuti. L'attesissimo evento segna il ritorno a Cavriglia dell'attore e drammaturgo toscano. Benvenuti, dopo aver scelto il Borgo di Castelnuovo per ambientare il film Ivo il Tardivo, uscito nelle sale nel 1995, legò la propria vita professionale e non solo al nostro Comune inaugurando il Teatro Comunale, che poi diresse per molti anni, e ricevendo dall'allora Sindaco Enzo Brogi la cittadinanza onoraria di Cavriglia. L'8 gennaio, nell'appuntamento della rassegna “Materiali in scena” promossa dall'Amministrazione in sinergia con Materiali Sonori, Alessandro Benvenuti presenterà in esclusiva il suo nuovo monologo che riprende, attualizzandone l’ambientazione e lo spirito, la narrazione che ha reso famoso e unico il suo teatro.

Per gli appassionati di Teatro di Cavriglia anche nel 2016 la stagione sarà piena di novità. Il cartellone di “Fondazione” verrà affiancato da nuovi progetti sviluppati in collaborazione con “Materiali Sonori” e Caterina Meniconi che daranno davvero una “Vita Nova” al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer la cui programmazione quest'anno non avrà niente da inviare ai teatri delle grandi città.

Ricordiamo infine che, come ogni anno sarà possibile acquistare i tagliandi in prevendita presso l'Ufficio Attività Teatrali del Comune di Cavriglia tutti i giorni, festivi esclusi, dalle 9:30 alle 12:30. Per ulteriori informazioni è possibile telefonare allo 055/ 9669731 oppure inviando una mail all'indirizzo teatro@comune.cavriglia.ar.it.

L'autore e la sua compagna di vita analizzano con un linguaggio comico e modernissimo e con chirurgica spietatezza i rapporti tra i membri di una famiglia che sa tanto d'Italia, di questa nostra Italia che ha perso la bussola del buon senso e naviga ormai a vista tra i flutti sempre più minacciosi dal mar dell'incertezza. Una commedia in cinque atti rapidi ed incisivi dove nessuna parola è messa lì per caso. Una drammaturgia sorprendente nella sua semplicità. Dal 2000 al 2015, passando attraverso cinque momenti chiave o testimonianze, l'autore narra il progressivo degenerare dei rapporti di una famiglia composta da un marito, una moglie, due figlie e qualche animale..di troppo. E' più i fatti si fanno seriamente preoccupanti e più, nel raccontarli, diventano per chi li ascolta divertenti. E' il comico che, essendo fatto di sangue, non rinuncia neppure di fronte ad un dramma al piacere di poter piacere a chi lo ascolta? O è il fatto di sangue in sé che nonostante la sua tragicità diventa a suo modo comicamente sorprendente? Allo spettatore il piacere di decidere ascoltando”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento