Teatro Petrarca: in scena "La gatta sul tetto che scotta". Via alla campagna abbonamenti

La gestione rimarrà al Comune di Arezzo mentre, come noto, la proprietà è quella dell’Accademia Petrarca. E’ dopo il concerto inaugurale che il sindaco Alessandro Ghinelli presenta ufficialmente la stagione 2016. Un momento atteso da tutta la...

 

La gestione rimarrà al Comune di Arezzo mentre, come noto, la proprietà è quella dell’Accademia Petrarca.

E’ dopo il concerto inaugurale che il sindaco Alessandro Ghinelli presenta ufficialmente la stagione 2016.

Un momento atteso da tutta la popolazione che per anni è rimasta orfana della sua ribalta più prestigiosa.

“Siamo pronti a far decollare le campagne abbonamenti – ha sottolineato il sindaco Ghinelli – speriamo che quanti più aretini corrano a sottoscriverle”.

Il primo spettacolo andrà in scena il 15 gennaio e porterà sul palco Vittoria Puccini e Vinicio Marchioni “La gatta sul tetto che scotta” di Tennessee Williams. Un ricco cartellone di eventi al quale hanno collaborato fattivamente anche “La Pergola” e la “Fondazione Toscana Spettacolo”, gli altri due soggetti che gestiranno insieme al Comune il Petrarca.

“Il taglio che abbiamo voluto dare a questa stagione è funzionale a un riavvicinamento di pubblico e appassionati – sottolinea Ghinelli - Dieci anni di chiusura d'altronde non sono pochi. Siamo andati sul sicuro, se così si può dire, con eventi di consolidato appeal. Cito come esempio: ‘Sei personaggi in cerca d'autore’ di Luigi Pirandello, per il quale mi sono speso particolarmente. Avremo 8 spettacoli di prosa e 2 di balletto con in più un regalo proveniente dal teatro La Pergola che dobbiamo ancora collocare compiutamente. L'auspicio è rivedere qui gli aretini. La stagione teatrale è il fulcro del Petrarca ma non vogliamo fermarci a essa: il teatro dovrà essere frequentato e faremo in modo che lo sia. L'amministrazione comunale poteva spogliarsi di tanta responsabilità consegnando le chiavi della gestione a un soggetto esterno. Invece abbiamo fatto la scelta opposta, proprio perché vogliamo che il Petrarca sia e resti un teatro saldamente aretino. Un ringraziamento anche all'Accademia del Regio Teatro Petrarca per l’accordo raggiunto con l’amministrazione, con i previsti 50 anni di gestione comunale, che ci consente di lavorare nel lungo periodo”. Beatrice Magnolfi, presidente della Fondazione Toscana Spettacolo: “ci sono momenti più positivi di altri nel mio lavoro e oggi è uno di questi. Anche nel passato abbiamo operato per non fare mancare al pubblico spettacoli e progetti culturali, certo qui al Petrarca è un'altra cosa. Il filone della stagione, variegata, con contaminazioni interessanti come quella fra cinema e teatro, potremmo definirlo il 'teatro ritrovato': una collana di spettacoli che coinvolgono un teatro nazionale come La Pergola e che coniugano colto e popolare. Potrei usare, per meglio specificare il concetto, una frase di Strehler: teatro d'arte per tutti. Una sfida che ci assumiamo. Sottolineo inoltre due aspetti: il primo, grandi spettacoli a piccoli prezzi, soluzione scelta per riavvicinare il pubblico e resa possibile grazie anche al contributo di sponsor come Unicoop Firenze. Il secondo: questo è un progetto che si presta a tante attività collaterali in grado di coinvolgere soggetti importanti del territorio, penso alle scuole. ‘Il teatro e il mondo’, la rivista trimestrale della Fondazione Toscana Spettacolo, nel prossimo numero avrà uno speciale sul Petrarca. Uscirà a fine gennaio. Chi assisterà agli spettacoli la troverà in distribuzione”. Riccardo Ventrella de La Pergola: “il 2015 è stato un anno particolare, siamo diventati teatro nazionale e siamo contenti che ci sia un po' di Pergola disseminata in questa stagione del Petrarca. Il fuori programma di cui parlava il sindaco è lo spettacolo ‘Il sogno di un uomo ridicolo’ di Dostoevskij, ancora un legame con la letteratura grazie al monologo di un grande interprete: Gabriele Lavia”. Il programma Vittoria Puccini, Vinicio Marchioni LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA, di Tennessee Williams, venerdì 15 gennaio alle 21 Gabriele Lavia, SEI PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE, di Luigi Pirandello, martedì 26 gennaio alle 21 Gianfelice Imparato con NON TI PAGO di Eduardo de Filippo, lunedì 1 febbraio alle 21 Fabrizio Bentivoglio, Maria Pia Calzone, Isabella Ragonese, Sergio Rubini con PROVANDO... DOBBIAMO PARLARE, martedì 9 febbraio alle 21 Balletto di Roma con IL LAGO DEI CIGNI, OVVERO IL CANTO coreografia di Fabrizio Monteverde, domenica 14 febbraio alle 17 Daniele Russo e Elisabetta Valgoi con QUALCUNO VOLÒ SUL NIDO DEL CUCULO di Alessandro Gassmann, martedì 23 febbraio alle 21 Umberto Orsini, Massimo Popolizio, Alvia Reale, Elia Schilton con IL PREZZO di Arthur Miller, domenica 13 marzo alle 17 Geppy Gleijeses, Marianella Bargilli con IL BUGIARDO di Carlo Goldoni, domenica 20 marzo alle 17 Aterballetto con DON Q. DON QUIXOTE DE LA MANCHA coreografia di Eugenio Scigliano, giovedì 31 marzo alle 21 Alessio Boni, Marcello Prayer con I DUELLANTI di Joseph Conrad, domenica 10 aprile alle 17 La campagna abbonamenti Per quanto riguarda la campagna abbonamenti, essa partirà al Teatro Petrarca dal 28 dicembre 2015 al 10 gennaio 2016, esclusi 1 e 6 gennaio 2016, con questo orario: dal lunedì al venerdì 10 - 13 e 16 - 19 e il sabato 10 - 13. Servizio prevendita singoli spettacoli: online www.boxol.it, presso la Rete Teatrale Aretina in via Bicchieraia 34 dal 12 gennaio 2016 il martedì e il giovedì dalle 16 alle 19, telefono 0575 1824380. È possibile inoltre rivolgersi al circuito boxoffice Toscana, www.boxofficetoscana.it oppure 055 210804. Il giorno di spettacolo, vendita presso il teatro 10 - 13 e 17,15 - 21,15.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento