Cultura

Six Days Revival, tre giorni all’Isola d’Elba per rivivere l’indimenticabile gara internazionale del 1981

1981-2015 – trentaquattro anni dopo , il Moto Club Castiglion Fiorentino è nuovamente all’Isola D’Elba. E sarà presente con i piloti di allora Andrea Lucci e Carlo Landucci, al tempo giovani promesse della regolarità a livello nazionale, e...

sixdays

1981-2015 - trentaquattro anni dopo , il Moto Club Castiglion Fiorentino è nuovamente all'Isola D'Elba. E sarà presente con i piloti di allora Andrea Lucci e Carlo Landucci, al tempo giovani promesse della regolarità a livello nazionale, e dall'aretino pluricampione italiano Mario Graziani.

L'unico rammarico di questa nuova edizione sarà l'assenza di Fabrizio Meoni, il grande gigante d'Africa morto durante la Parigi-Dakar nel 2005. "Orgoglioso di questa nuova avventura - afferma Antonio Benci Presidente e fondatore del Moto Club - soprattutto perché questa è una nuova ed ulteriore occasione per ricordare Fabrizio, l'amico indimenticabile che ho tenuto a battesimo nella sua prima Gara alla Foce nel 1974". Il prossimo fine settimana, 16, 17 e 18 ottobre, l'Elba ospiterà la manifestazione Internazionale Six Days, stesso nome di allora, con moto d'epoca immatricolate entro l'anno 1984. La Six Days è la gara più importante per quanto riguarda il mondo del fuoristrada targato, che vede la partecipazione di squadre in rappresentanza delle singole Nazioni e squadre di Club. Già si contato 202 iscritti, provenienti da 4 continenti e da 10 nazioni. "Mi piace mettermi in gioco - racconta Carlo Landucci - e quando abbiamo deciso di rivivere quest'esperienza ho accettato con piacere. Devo ringraziare Sandro Botti, collezionista di moto, che 6 mesi fa mi ha messo a disposizione la moto per allenarmi". Sia Andrea Lucci che Carlo Landucci, quest'ultimo all'epoca conquistò la medaglia d'oro, correranno con i numeri di allora, 230 e 94. Un revival, quindi, in piena regola che riporta oltre ai piloti e al team anche la città di Castiglion Fiorentino indietro nel tempo.

Lucci Andrea, Carlo Landucci e Mario Graziani cercheranno in tutti i modi di portar in alto ancora una volta la bandiera del proprio moto club e con essa tutta la comunità Castiglionese perché i castiglionesi al seguito saranno tanti, in primis il Deo Ex Machina dell'iniziativa Sandro Botti , Osman Berti, Paolo Acciai, Luca Fabianelli , Gian Luca Meucci , Ghezzi Alessandro, Antonio Accordi, Carlo Fratini, Andrea Migliorati, Michele Dottarelli e Marco Santelli. "Ringraziamo tutto il Moto Club, l'Amministrazione Comunale e gli sponsor che ci hanno sostenuto in questo progetto" sostengono all'unisono i piloti. "Il legame che unisce Castiglion Fiorentino all'enduro è ancora molto forte come non si affievolirà mai quello per Fabrizio Meoni. Sono passati 10 anni dalla sua morte ma il suo ricordo è sempre presente in tutti noi. Fabrizio Meoni sarà sempre uno di noi. Rinnovo la vicinanza dell'Amministrazione Comunale alle associazioni sportive che hanno il merito di portare il nome di Castiglion Fiorentino fuori dai confini comunali" dichiara Luca Fabianelli, consigliere comunale e membro del Moto Club

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Six Days Revival, tre giorni all’Isola d’Elba per rivivere l’indimenticabile gara internazionale del 1981

ArezzoNotizie è in caricamento