Selci e strumenti della preistoria: nuovo sito archeologico scoperto nel Parco delle Foreste Casentinesi

"Raccolta una serie di strumenti lavorati, che fanno ritenere che sulle sponde dei torrenti che oggi formano il lago, fra 15 e 12mila anni fa si siano spinti cacciatori paleolitici alla ricerca di prede che abitavano le nostre montagne"

Selci lavorate migliaia di anni fa, utilizzate dagli uomini del paleolitico per cacciare cervi e caprioli. Sono questi i reperti trovati nel parco delle Foreste Casentinesi nelle scorse settimane. Una scoperta riporta indietro nel tempo di migliaia di anni, dai 12 ai 15 mila, e racconta la storia dei primi insediamenti umani della zona.

A raccontare la scoperta e a spiegare quali saranno le sue implicazioni è stato il Gruppo Archeologico del Casentino che ha condiviso un dettagliato post sulle pagine del parco delle Foreste casetinesi. 

"Grazie alla segnalazione, da parte del corpo dei Carabinieri Forestali, del rinvenimento sulle sponde dell’invaso di Ridracoli di alcune selci lavorate, membri del Gruppo Archeologico Casentinese sono stati accompagnati sul posto dai responsabili dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Pratovecchio per constatare se poteva trattarsi di un sito preistorico. Sul posto è stata raccolta così una serie di strumenti lavorati, che fanno ritenere che sulle sponde dei torrenti che oggi formano il lago, fra 15 e 12.000 anni fa si siano spinti cacciatori paleolitici alla ricerca di prede che abitavano le nostre montagne. Non dobbiamo dimenticare infatti che oltre a cervi, caprioli e cinghiali all’epoca vi si poteva sicuramente cacciare anche l’orso, oggi scomparso da circa un secolo, e che i nostri torrenti erano ricchi di pesce ma anche di castori, scomparsi nel ‘600. Queste le prede che sicuramente i cacciatori fra la fine del Paleolitico e il Mesolitico, ossia subito dopo la fine delle glaciazioni, potevano trovare spingendosi sui rilievi appenninici".

I volontari del gruppo archeologico parlano di un sito databile fra i 15mila e i 12 mila anni , "dato l’abbondante rinvenimento di nuclei per la produzione di lamelle, raccolti insieme a vari strumenti, schegge di lavorazione e lamelle stesse, può far pensare ad una strutturata stazione preistorica, databile provvisoriamente al Paleolitico finale (facies Epigravettiana)".

Il sito si trova sul versante emiliano romagnolo, vicino a Ridracoli. Dopo un primo sopralluogo in accordo con la Responsabile dell’Ufficio per la Biodiversità di Pratovecchio - il Gruppo Archeologico ha segnalato il ritrovamento alla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, competente per il territorio romagnolo.

"È nato così un progetto - si legge nel post - che ha visto coinvolti tutti gli Enti competenti, con l’indispensabile collaborazione di Romagna Acque, gestore dell’invaso, che si è proposta come soggetto finanziatore di una prima indagine archeologica che prenderà il via in luglio e che premetterà di comprendere meglio le potenzialità del sito. Una volta conclusi gli scavi, i risultati potranno confluire a Idro, l’Ecomuseo delle acque di Ridracoli, per far conoscere al pubblico le più antiche tracce di civiltà che l’uomo ha lasciato all’interno del Parco."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con questo ritrovamento trova ulteriore conferma l'ipotesi che fin dalla preistoria l'area delle Foreste casentinesi fosse abitata. Già durante gli scavi archeologici 2003-2007 condotti al Lago degli Idoli sul Falterona ci furono importanti rinvenimenti: strumenti litici databili al medesimo periodo. Inoltre un altro coltello in selce, sebbene più recente, fu raccolto dal personale del Parco stesso presso Poggio a Scheggi e successivamente esposto al Museo Archeologico del Casentino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • LIVE | Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. I dati

  • Elezioni Arezzo, affluenza ore 23: alle comunali è del 47,26%. Regionali e referendum: i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento