Sasso di Simone: una festa senza Croce

La presenza delle autorità è stata l’occasione, però, per costituire un comitato per restaurare il monumento.

La croce accasciata su un fianco

La centenaria Croce monumentale, eretta sulla spianata del Sasso di Simone nel 1913, è stata gettata a terra l’inverno scorso durante una bomba d’acqua.
Ma non per questo si è fermata la tradizionale Festa al Sasso.
Come ogni anno don Leonardo Mancioppi, arciprete di Sestino, ha celebrato la messa, la gente è accorsa a piedi, in bici, con mezzi di fortuna e non sono mancati i rappresentanti comunali: dal sindaco di Sestino Marco Renzi, al sindaco di Carpegna, Angiolo Francioni, al presidente del’Ente parco “Simone- Simoncello-Carpegna” Guido Salucci, ad Alessandro Galli, assessore di Pennabilli.

E’ troppo antica e troppo emblematica, la festa di ogni seconda domenica di agosto, per essere rinviata. Anzi, molti hanno voluto essere presenti per rendersi conto di persona dello stato in cui versa la croce.

La presenza delle autorità è stata l’occasione, però, per costituire un comitato per restaurare il monumento.

La Regione Toscana ha già stanziato un sostanzioso contributo ma ancora mancano non poche risorse per completare il lavoro, poiché lassù, sulla montagna degli antichi benedettini, del tempio dedicato al dio pagano “Semo Sanco” della fortezza voluta da Colsimo I nel 1565, è un po’ complicato lavorare per un siffatto recupero.

“Senza quella Croce – è stato il commento unanime – il Sasso è meno bello”.

“Manca l’anima che ha ammaliato tante persone, ieri e oggi”.

“Per la prossima festa vogliamo inaugurare nuovamente la nostra Croce, perché quassù fu portata a dorso di mulo e con tregge dai nostri nonni”.

Le autorità presenti si sono impegnate tutte e ci sono anche volontari che si presteranno all’opera. In effetti la situazione non è semplice perché l’area è tutta demaniale e di proprietà del Ministero della Difesa ed è parte integrante della riserva naturale omonima ma di giurisdizione toscana. E la tiserva non attraversa un momento felice, in attesa che qualcuno abbia il coraggio di far partire le pratiche per fare un solo parco interregionale Toscana-Marche-Emilia Romagna, che tutte si attestano il “brend” di una situazione unica. Come sempre ci sono delle voci contrarie: ma esse finirebbero col riportare l’area a semplice demanio militare, “status” superato già a partire dagli anni Ottanta del secolo scorso. Qualche Associazione di categoria fa il suo mestiere – come lo fece in passato – ma approvando poi le molte risorse date alla Riserva, comperando strutture rurali, dando incentivi alle imprese agricole e turistiche, facendo dell’area un pascolo gratis per centinaia di Chianine allo stato semibrado.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dunque più “croci” si “incrociano” sul Sasso di Simone e per Sestino, se vuole ancora un turismo ambientale, “ a passo lento”, non può fare a meno della Riserva, anzi: del Parco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. I dati

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento