Sansepolcro, Palio dei Rioni: vince ancora Porta Fiorentina

Al termine di una fra le edizioni più belle e ricche di emozioni e colpi di scena, la 41esima della serie, i balestrieri di Porta Fiorentina si sono aggiudicati ancora una volta il Palio dei Rioni di Sansepolcro, disputato nella serata di...

balestrieri porta fiorentina

Al termine di una fra le edizioni più belle e ricche di emozioni e colpi di scena, la 41esima della serie, i balestrieri di Porta Fiorentina si sono aggiudicati ancora una volta il Palio dei Rioni di Sansepolcro, disputato nella serata di mercoledì 6 settembre in una piazza Torre di Berta come sempre gremita in ogni ordine di posti e vivacizzata con il consueto tifo da stadio che caratterizza questo appuntamento.

Porta Romana ha incassato l’ennesima amara sconfitta di una lunga serie e – come accaduto in passato – è caduta sull’ultima decisiva tornata, l’undicesima, quella che emette il verdetto senza appello, anche se a pesare sul risultato finale ha contribuito soprattutto il brutto inizio dei tiratori della “lupa”, incapaci di sfruttare ben due vantaggi di capobanco con balestrieri validi quali Lorenzo Dell’Omarino e Fabrizio Gherardi, che però hanno clamorosamente “scorniolato”, finendo in rotella e consegnando sul classico piatto d’argento il punto ai diretti rivali, rispettivamente Lorenzo Scappini e Alessandro Gherardi.

Enzo Cestelli aveva bilanciato nel frattempo il conto, operando il contro-break nei confronti di Averardo Martinelli, poi il preciso Andrea Giovagnini (vincitore del Sant’Egidio dello scorso 1° settembre) aveva firmato il 3-1 di Porta Fiorentina nei confronti di Andrea Cestelli. Ritrovatosi sotto di due lunghezze, il capitano di Porta Romana, Massimo Santi, ha impiegato le migliori pedine del momento per un recupero e un sorpasso che si è concretizzato con il parziale di 3-0, grazie alle verrette scoccate da Simone Carbonaro (la più precisa in assoluto della serata, che si è conficcata praticamente a compasso), da un Matteo Casini anch’egli capace di violare il piccolo cerchio nero e da Claudio Boncompagni, che ha fatto sua la sfida singola forse più incerta e risolta per questione di millimetri nei confronti di Luciano Mazzini, mentre Carbonaro e Casini si erano imposti su Giorgio Piccini e Gianni Bergamaschi.

Porta Romana ha dunque ribaltato la situazione, ricorrendo all’impiego di quei capibanco che ora non ha più a disposizione. Paolo Gherardi firma il 4 pari con un altro ottimo tiro a spese di Stefano Tarducci e l’ultimo acuto di Porta Romana, quello del 5-4 in suo favore, è opera di Giacomo Panichi su Mario Gherardi. Porta Fiorentina non può più sbagliare e Viviano Zanchi fa il suo, vanificando il tentativo di Marco Tontini. Sul 5-5, Fabio Rossi per Porta Romana deve vedersela contro il capitano della squadra avversaria, Francesco Alessandrini. Rossi viola il corniolo a destra in alto e il puntale di Alessandrini si conficca a sinistra in alto, ma più vicino: il verdetto è scritto in favore di Porta Fiorentina, che nel computo totale conduce ora per 29 successi contro i 12 di Porta Romana.

“Avevo pensato di non dover tirare di persona – ha commentato alla fine il capitano vincente, Francesco Alessandrini - ma le circostanze mi hanno costretto a farlo. L’abbiamo spuntata in rincorsa contro una Porta Romana all’interno della quale questo Palio è molto sentito e allora in piazza può giocare brutti scherzi, come avvenuto sul conto di balestrieri veterani e in gamba”.

Sconsolato il capitano di Porta Romana, Massimo Santi:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
“Abbiamo pagato cari i due errori iniziali, compensati da quel parziale di 3-0 che da una parte ci ha mandato avanti e dall’altra ci ha privati dei capibanco nel momento topico – ha detto Santi - perché li avevamo già impiegati per recuperare terreno. Purtroppo, per noi questa gara è un vero e proprio sortilegio: le prove erano andate bene e nessuno avrebbe immaginato che in due colpissero la rotella. Ogni anno, così, dobbiamo rinviare la vittoria al prossimo”.

Suggestiva e come sempre ben curata la coreografia della serata in mezzo a un pubblico che non si è risparmiato nel sostenere i concorrenti delle due parti di città. Prima del Palio e dopo lo scambio dei doni e l’esecuzione dei canti in ottava rima, affidati a Giancarlo Baglioni e Massimo Mazzi, si è proceduto con la premiazione di Franco Trappoloni, il balestriere campione cittadino 2017 davanti ai fratelli Mario e Fabrizio Gherardi. A Trappoloni, l’oramai ex campione cittadino Germano Barculli ha consegnato il collare del quale rimane detentore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento