Il restauro dell'affresco di Parri Spinelli e 13 opere restituite alla Fraternita, Rossi: "Verso un nuovo percorso museale"

A due anni dal proprio insediamento ecco che il magistrato dell'ente festeggia aprendo un cantiere per il futuro

L'affresco sarà soltanto l'ultima tappa di un percorso di restauro che il Palazzo di Fraternita ha intrapreso ormai da tempo.

L'opera di Parri Spinelli, situata all'interno della sala delle udienze dell'edificio di piazza Grande sarà riportata finalmente al suo antico splendore. Hanno preso il via proprio questa settimana i lavori di pulitura e restauro dell'antica opera che raffigura la Madonna della Misericordia e il popolo aretino.

Così il magistrato dell'istituzione ha voluto festeggiare i due anni dal proprio insediamento.

Un altro tassello che si aggiunge al lungo processo di recupero delle opere di proprietà della Fraternita dei Laici e che contribuirà a portare sino alla realizzazione di un vero e proprio percorso museale incentrato tutto sui tesori custoditi dall'istituzione più antica della città.

"Noi apriremo le stanze dove si trovano l'affresco - spiega il primo rettore Pier Luigi Rossi - chi lo desidera potrà venire qui e ammirare in prima persona i progressi del restauro".

"Con questo affresco - spiega Daniela Galoppi, rettore della Fraternita dei Laici - inizieremo un nuovo percorso museale di tutto il palazzo. Di fatto questo passo segnerà il rinnovamento di tutte le nostre collezioni. Da parte del direttore del Polo Museale Toscano, il dottor Casciu, abbiamo ottenuto anche la restituzione di 13 opere che erano state custodite all'interno delle sale del museo di arte moderna e medievale di San Lorentino. Ben presto queste torneranno in nostro possesso e faranno parte di un allestimento che guiderà il visitatore alla scoperta dei grandi aretini".

Si parla di

Video popolari

Il restauro dell'affresco di Parri Spinelli e 13 opere restituite alla Fraternita, Rossi: "Verso un nuovo percorso museale"

ArezzoNotizie è in caricamento