Quadro di Nadia Cascini all'asta per sostenere l'ospedale San Donato

Nasce l’iniziativa “Arte con Arezzo con Te”, asta di beneficenza il cui ricavato contribuirà a realizzare una stanza multimediale nel reparto di rianimazione dell'Ospedale San Donato di Arezzo

L’arte al servizio della comunità. Nasce così l’iniziativa “Arte con Arezzo con Te”, asta di beneficenza il cui ricavato contribuirà a realizzare una stanza multimediale nel reparto di rianimazione dell'Ospedale San Donato di Arezzo.

Protagonista è un quadro di Nadia Cascini, artista di fama internazionale, che ha voluto in questo modo sostenere la sanità aretina. Il dipinto, un olio su tela del 2017 delle dimensioni di 80x80 cm, intitolato “Da qui si vede il Trasimeno”, partirà da una base d’asta di 500 euro.

“Riflettendo sull'accaduto di questi mesi, segnati dall’emergenza sanitaria, ho deciso di impegnarmi in prima persona – spiega Nadia Cascini. – La nuova struttura permetterà ai pazienti, in particolare a quelli ricoverati con infezione da Covid-19, di interagire con i parenti tramite videochiamate e videoconferenze”.

L’asta è attiva dal 22 giugno e si concluderà alla mezzanotte di lunedì 6 luglio 2020.

Le offerte potranno essere effettuate nei profili social dell’artista o inviando una mail a info@nadiacascini.com.

Chi è Nadia Cascini

Nadia Cascini è nata ad Arezzo nel 1970. Figlia di maestri orafi, coltiva la passione di famiglia frequentando l’Istituto d’Arte della città e diplomandosi nel settore Metalli e Oreficeria.

A partire dalla seconda metà degli anni Ottanta partecipa a centinaia di concorsi di pittura in tutta Italia, classificandosi al primo posto nella maggior parte di essi, tra cui il Premio Marina di Ravenna nel 1999: un duplice primato, dal momento che è l’unica donna, su oltre novanta artisti in ben quarantasei edizioni, a vincere l’ambito concorso. 

Dalla metà degli anni Novanta inizia a collaborare con gallerie francesi, spagnole, tedesche e olandesi, esponendo soggetti che spaziano dal paesaggio alla composizione, dagli scorci portuali alle figure.

Nadia Cascini lavora dopo l’osservazione e principalmente sulla luce, sovrapponendo diversi strati di pittura in successione. L’artista mescola anche i diversi scatti dello stesso spazio, ciò conferisce un aspetto dinamico ma nello stesso tempo sospeso e immateriale ai suoi dipinti. Il mondo che lei rappresenta è una fusione tra mondo reale, mondo immaginato e mondo sognato.

Attraverso la pittura a olio, Nadia Cascini crea sovrapposizioni di toni e velature, realizzando così tele cariche d’atmosfera e mistero, e contribuendo, per mezzo di ogni pennellata sottile e veloce, a dar vita a opere estremamente personali. La pittrice è alla continua ricerca di sintesi e armonia, in un susseguirsi di soggetti che dialogano tra loro con un filo invisibile: la poesia. 

Da alcuni anni, le sue opere si possono trovare in importanti gallerie d’arte anche a Singapore e negli Stati Uniti, oltre che in Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Arrivati i nuovi vaccini Covid: ecco chi può accedere e come prenotarsi. Arezzo al top per somministrazioni

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento