Premio Pieve, ecco le otto storie finaliste

La storia più antica risale al 1914, quella più moderna al 2014: cento anni rivissuti, pagina dopo pagina, nei diari e nelle memorie dei finalisti del Premio Pieve Saverio Tutino 2015, 31esima edizione del concorso per scritture autobiografiche...

La storia più antica risale al 1914, quella più moderna al 2014: cento anni rivissuti, pagina dopo pagina, nei diari e nelle memorie dei finalisti del Premio Pieve Saverio Tutino 2015, 31esima edizione del concorso per scritture autobiografiche dall’Archivio diaristico nazionale, che avrà luogo a Pieve Santo Stefano (Arezzo) dal 18 al 20 settembre. Storie private che si incrociano e si fondono inevitabilmente con la “grande Storia”. Vite, memorie, ricordi ed emozioni impresse sulla carta (o su moderni dispositivi digitali), costituiscono piccoli tasselli dell’inestimabile patrimonio che si conserva nella “banca della memoria” degli italiani.

I finalisti

Sono otto le storie che, dopo una lunga selezione, hanno conquistato il palco di Pieve per la 31esima edizione del Premio.

Quattro di queste storie sono legate ai temi - tradizionalmente vicini all'Archivio - delle due Guerre Mondiali. Proprio nell'edizione dedicata alla commemorazione di due importanti anniversari - i 100 anni dall’ingresso dell’Italia nella Grande Guerra e i 70 dalla Liberazione - arrivano a Pieve le memorie di Emidio Cianca, soldato operaio e socialista che osserva e racconta il conflitto anche alla luce delle sue idee politiche; Giuseppe Salvemini, sottotenente che parte per il fronte a 18 anni e nonostante la guerra racconta di amori e amicizie, di una gioia di vivere persa solo a causa della Decima battaglia dell’Isonzo e di un’intossicazione da gas; Giovanni Viglione, sottufficiale della Marina militare, il cui diario comincia nel novembre del 1918 a bordo di una nave che costeggia le terre irredente appena conquistate dall’Italia; Ester Marozzi, maestra, antifascista che vive a Milano e descrive con grande acume gli anni della Seconda Guerra.

C'è poi chi affida alla scrittura le emozioni più intime. Come Giuseppina Pendenza che conduce una vita poverissima tra l’Abruzzo e la periferia di Roma, nel secondo dopoguerra, caricandosi sulle spalle il peso di una famiglia numerosa. Come Emidio Boccanera che parla di amore, politica, lavoro e arte durante gli anni Sessanta. Come la giovanissima Caterina Minni, adolescente che racconta nelle pagine di un diario il percorso intrapreso per uscire dall'anoressia. Infine il diario dell’esperienza umana e professionale di Giuseppe Novelli, medico che trascorre un periodo in un ospedale del Burundi come volontario. Commenti

“I testi finalisti – ha spiegato Natalia Cangi, direttrice organizzativa dell'Archivio diaristico nazionale – raccontano con una grande ricchezza di contenuti e linguaggi un intero secolo: dall'inizio della Prima Guerra Mondiale ai giorni nostri. Due dei diari finalisti, infatti, sono datati 2014, mentre il più antico risale al 1914. Si consolida dunque quella tendenza, ormai evidente da alcuni anni, che vede arrivare alla fase finale del Premio sia testi che raccontano vite e vicende del Novecento, sia testi contemporanei e di strettissima attualità. Possiamo dire che la 31esima edizione del Premio Pieve offrirà all’opinione pubblica e alla comunità scientifica alcuni documenti di raro interesse sulle Guerre Mondiali, ma anche interessanti spunti di riflessione sui temi che riempiono la nostra quotidianità, da quelli sociali a quelli che riguardano la famiglia, le sacche di povertà in Italia e nel mondo, le libertà individuali e la solidarietà. Si profila quindi un nuovo, lungo viaggio attraverso la storia e la memoria che rappresenta nel suo complesso quello che è da sempre l'obiettivo dell'Archivio: conservare e custodire la memoria degli italiani, scritta dalle persone comuni”.

La presentazione della 31esima edizione si è svolta presso l'ente camerale aretino: “La Camera di Commercio di Arezzo – afferma il presidente Andrea Sereni - è orgogliosa di supportare il Premio Pieve ‘Saverio Tutino’ ormai divenuto uno degli appuntamenti più importanti del panorama culturale italiano e conseguentemente prezioso strumento per la valorizzazione e la promozione del nostro territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Anche nell’edizione 2015, così come ormai accade da molti anni, la Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo – ha dichiarato il direttore generale dell’istituto Fabio Pecorari - sostiene con convinzione il Premio Pieve, una rassegna che ha ormai superato i confini territoriali e che è diventata con il trascorrere del tempo uno tra gli appuntamenti più importanti a livello nazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Malore a scuola: docente trasferita a Siena in codice rosso

  • Si inclina un silos con 900 tonnellate di cemento, il sindaco: "Se collassa, ci sarà una nube. Restate in casa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento