Martedì, 28 Settembre 2021
Cultura

Porta del Foro conquista la prova generale: due 5 da manuale per le riserve

Dieci punti, due carriere pulite, un risultato netto. Così il quartiere di Porta del Foro ieri sera ha vinto la prova generale di della Giostra del Saracino. Il trofeo dedicato in questa edizione a Ciuffino, al secondo Guido Raffaelli, storico...

Dieci punti, due carriere pulite, un risultato netto. Così il quartiere di Porta del Foro ieri sera ha vinto la prova generale di della Giostra del Saracino. Il trofeo dedicato in questa edizione a Ciuffino, al secondo Guido Raffaelli, storico capitano di Porta Crucifera, si è avviato verso San Lorentino, tra gli applausi del popolo giallocremisi in giubilo.

Perché quella di ieri è stata una prova generale emozionante, uno spettacolo nello spettacolo della Giostra.

LA CRONACA

La competizione si è aperta con un 4 da Sant'Andrea. Il quartiere bianco verde ha schierato subito l'esordiente Saverio Montini in sella al suo Tornado. Il giovane ha rotto il ghiaccio egregiamente, regalando al quartiere una bella carriera e un promettente quattro. Poi però gli altri quartieri hanno iniziato a fronteggiarsi, e lo hanno fatto a suon di 5. Prima Andrea Bennati con Toni per Porta Santo Spirito, poi Adalberto Rauco su Cody per Porta del Foro e in chiusura Lorenzo Vanneschi su Carlito Brigante per Colcitrone. Alla fine della prima tornata di carriere c'erano tre quartieri a pari punteggio.

Poi il secondo giro di Giostra. Sant'Andrea è subito uscito dai giochi: con un 3 di Francesco Rossi ha raggiunto i 7 punti, ben presto superati dagli altri. Santo Spirito ha infatti marcato 4 punti con Elia Pineschi e il suo Paco. Davide Parsi, che a giugno aveva gareggiato con i titolari, ha marcato uno splendido 5 portando Porta del Foro al comando. E alla fine nulla ha potuto Jacopo Francoia per Colcitrone, che in sella ha Lughente ha marcato 4 punti.

Si è chiusa così la prova generale dedicata a "Ciuffino": con carriere belle, bellissime. Degne più che di una prova generale, di una vera e propria giostra. Con riserve in grande crescita e giovani promesse che si sono messe in evidenza.

E poi c'è un toccante epilogo: Porta del Foro ha rinunciato al suo trofeo, rimarrà nell'albo ma non andrà a San Lorentino. Resterà invece a Porta Crucifera, nella sede del quartiere del quale Ciuffino è stato il vittoriosissimo capitano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta del Foro conquista la prova generale: due 5 da manuale per le riserve

ArezzoNotizie è in caricamento