Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Polifonico 2015: ritorno alla Pieve. Edizione al via tra musica e ristrettezze economiche

Non sarà il Teatro Petrarca ma bensì la Pieve di Santa Maria ad ospitare l’edizione 2015 del Polifonico. Un ritorno alle origini per la Fondazione di Guido d’Arezzo che, insieme a Comune e Regione Toscana, è pronta per sette giorni di grande...

Non sarà il Teatro Petrarca ma bensì la Pieve di Santa Maria ad ospitare l’edizione 2015 del Polifonico. Un ritorno alle origini per la Fondazione di Guido d’Arezzo che, insieme a Comune e Regione Toscana, è pronta per sette giorni di grande musica. Dal 23 agosto e fino al 30, la città ospiterà il 63esimo Concorso Polifonico Internazionale “Guido d’Arezzo”.

Nove cori provenienti da tre continenti diversi si esibiranno per riuscire a conquistare gli ambiti premi. Contestualmente avranno inizio anche il XXX Festival Corale Internazionale di Canto Corale e il XLII Concorso Internazionale di Composizione “Guido d’Arezzo”.

Quella 2015, come hanno sottolineato gli organizzatori, sarà un’edizione con numeri più contenuti rispetto a quelli degli scorsi anni. Le ragioni sono tutte di carattere economico. “Il Ministero – sottolinea il presidente della Fondazione Guido d’Arezzo Carlo Pedini – ha dato applicazione al decreto che riguarda la partecipazione dello Stato nelle varie iniziative e settori che riguardano la musica e le arti. In questo elenco il Polifonico non c’è, dunque abbiamo dovuto far fronte alle spese necessarie avvalendoci solo dell’aiuto del Comune di Arezzo e degli sponsor che hanno confermato la loro disponibilità. Ci auguriamo che la domanda triennale di contributo redatta dalla Fondazione possa trovare comunque risposta anche se tuttora, permane una sensibile incertezza”.

“Il Polifonico – ha sottolineato il sindaco Alessandro Ghinelli – è insieme alla Giostra del Saracino e alla Fiera Antiquaria, una delle tre eccellenze culturali che rendono Arezzo famosa in tutto il mondo. Personalmente auspico per il futuro che il Polifonico possa diventare una rassegna ancora più importante, in virtù del fatto che viene realizzato in quella che è la patria di Guido d’Arezzo”.

Tra le novità c’è anche quella che riguarda il Concorso Corale Nazionale che si svolgerà il 29 novembre. Una scelta che trova origine dalla volontà di concentrare l’attenzione sui nove cori che della sezione internazionale. La serata inaugurale vedrà il risultato di un progetto collettivo dei Cori della Provincia con l’esecuzione del Requiem Op. 9 di Maurice Duruflé con oltre 140 cantori impegnati.

“Quella 2015 – sottolinea il direttore artistico Piero Caraba – sarà l’ultima edizione che ci vedrà come direttori. Lasciamo alla città un Polifonico che è tornato alle sue origini e che non smette di fare dell’eccellenza il suo punto di forza. Mi piace inoltre sottolineare che la particolarità della sezione 6 del Concorso prevede l’obbligatorietà di presentare una composizione di autore italiano al fine di veicolare internazionalmente il lavoro dei nostri validissimi compositori”.

polifonico_conferenza1“L’augurio che da ultimo mi preme esprimere – conclude il presidente Pedini – è che la Fondazione Guido d’Arezzo sappia superare le difficoltà economiche che ogni anno abbiamo dovuto fronteggiare pre proseguire nella missione in favore della diffusione e dello sviluppo della cultura corale”.

I protagonisti del 63esimo Concorso Internazionale Polifonico

Croazia

1. Cappella Odak

Direttore Jasenka Ostojic

Categoria B Polifonia – Sezioni 2,3,6 Cuba

2. Coro de càmara Voces Criollas

La Habana

Direttore: Teresa Boulart Gòmez

Categoria B Polifonia – Sezioni 2,6,8 Filippine

3. Imusicappella

Direttore: Tristan Caliston Ignacio

Categoria B Polifonia – Sezioni 2,3,8

Giappone

4. Vocal Ensemble EST

Tsu City

Direttore: Masao Mukai

Categoria B Polifonia – Sezioni 2,6,8

Spagna

5. Landarbaso Abesbatza

Errenteria

Direttore: Inaki Tolaretxipi

Categoria B Polifonia – Sezioni 2,6,8

Spagna

6. Onatiko Ganbara Abesbatza

Onari

Direttore: Aitor Biain Bidarte

Categoria B Polifonia – Sezioni 2,6,8

Ungheria

7. La Caffetteria Stioppéta

Budapest

Direttore: Eszter Murànyi

Categoria B Polifonia – Sezioni 2,3,6

Ungheria

8. Gizella Noikar

Veszprém

Direttore: Gabriella Borbasne Gazdag

Categoria B Polifonia – Sezioni 3,6,8

Ungheria

9. Lautitia mixed youth choir

Debrecen

Direttore: Jòzsef Nemes

Categoria B Polifonia – Sezioni 2,6,8

Si parla di

Video popolari

Polifonico 2015: ritorno alla Pieve. Edizione al via tra musica e ristrettezze economiche

ArezzoNotizie è in caricamento