menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
statuto-pia-casa

statuto-pia-casa

Pia Casa: donato alla città uno statuto del 1886

Uno statuto della Pia Casa datato 1886, sottoscritto dal Presidente del consiglio dei ministri e ministro dell'Interno Agostino Depretis, per volontà del Re Umberto I, rinvenuto a Monterchi nella biblioteca di Palazzo Marzocchi, è stato donato...

Uno statuto della Pia Casa datato 1886, sottoscritto dal Presidente del consiglio dei ministri e ministro dell'Interno Agostino Depretis, per volontà del Re Umberto I, rinvenuto a Monterchi nella biblioteca di Palazzo Marzocchi, è stato donato alla città dal giornalista Rai Antonio de Robertis e da Donata Marzocchi.

"Ringrazio sentitamente De Robertis e Marzocchi per il prezioso dono fatto ad Arezzo - ha detto il sindaco Alessandro Ghinelli - le pagine storiche che descrivono le finalità, l'amministrazione e la missione di quello che all'epoca era l'Orfanotrofio e Pia Casa di Mendicità, rappresentano una testimonianza importante dei fini benefici ed educativi dell'opera pia, destinata allora al ricovero e mantenimento degli orfani e dei più poveri e soli. Un mandato e una responsabilità di assistenza verso i più deboli che l'istituto ha mantenuto nel tempo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La ricetta dei waffles

  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

  • Calcio

    Arezzo-Matelica. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento