Domenica, 13 Giugno 2021
Cultura

Pd, il programma del circolo cultura parte con Piero della Francesca: "Anche così si fa opposizione"

"Una nuova visione della politica e della cultura. Non più mondi separati ma strettamente connessi per trasformare la società. Il Circolo Cultura Leopoldo II è il primo di questo genere in Italia ed un è un avamposto della strategia delineata da...

pasquale-macrì

"Una nuova visione della politica e della cultura. Non più mondi separati ma strettamente connessi per trasformare la società. Il Circolo Cultura Leopoldo II è il primo di questo genere in Italia ed un è un avamposto della strategia delineata da Matteo Renzi. '1 euro per la sicurezza, 1 euro per la cultura' cancella decenni di sottovalutazione per non dire di umiliazione per la cultura. Finora, se si parlava di risparmi, si parlava di cultura; se si annunciavano tagli, questi erano per la cultura. Mi auguro che tale stagione sia finita e che una nuova stia ormai per nascere".

Pasquale Giuseppe Macrì ha presentato stamani, nel suo ruolo di Segretario, le attività del Circolo Cultura Pd Leopoldo II.

"E' la concreta testimonianza di un nuovo clima per l'affermazione di un concetto ampio di cultura, che da alcuni viene identificato con il semplice spettacolo o, addirittura, con le giostre di Natale. Per noi cultura non è solo strumento di crescita sociale ma anche la chiave per leggere e interpretare la storia. Nessuno, parlando di cultura in relazione alla politica, dovrà mai pronunciare la classica frase: 'ma cosa c'entra?'. C'entra fino ad esserne la spina dorsale".

Una visione condivisa anche dai vertici del Pd aretino. Massimiliano Dindalini, Segretario provinciale:

"questo circolo è un'esperienza unica a livello nazionale che il Pd intende sostenere e valorizzare in ogni modo, proprio nella logica affermata da Macrì, e cioè che politica e cultura sono indissolubilmente legate". Alessandro Caneschi, Segretario comunale: "il Pd, pur non essendo al governo di questa città, dimostra come si possa essere l'opposizione di una destra che stenta a dimostrare reali capacità di governo. E lo dimostra con azioni come questa: propositiva, costruttiva, indispensabile all'interesse complessivo della cittadinanza".

In una dimensione del genere si colloca il programma di attività del Circolo, realizzato con la professionalità di Fabio Migliorati, Vicesegretario, in collaborazione con Feltrinelli Point di Arezzo.

Si va dalla visita guidata a monumenti, mostre, spettacoli in città italiane, agli eventi di approfondimento su temi d'attualità, attraverso la figura di alcuni tra i maggiori intellettuali del momento. Si apre con la Via Pierfrancescana, che condurrà iscritti e ospiti all'arte di Piero della Francesca (nei seicento anni dalla sua nascita) nelle città dove si trovano le sue opere; si procede con le Lezioni di Gusto nelle capitali dell'arte (gite a Roma e a Napoli, tra cultura, cibo, teatro); e si chiude con un incontro al mese, fino a giugno, ad Arezzo, presso Casa delle Culture e sede Feltrinelli Point, per incontrare la lucidità del pensiero di Giulio Giorello o di Umberto Galimberti, la passione di Ermete Realacci, la dedizione di Gino Strada o di Emmanuele Emanuele, la competenza di Agostina Cabiddu, di Michela Marzano, di Tommaso Cerno, l'autorevolezza di Francesco Sabatini o di Piercamillo Davigo... e altri protagonisti della cultura italiana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd, il programma del circolo cultura parte con Piero della Francesca: "Anche così si fa opposizione"

ArezzoNotizie è in caricamento