Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cultura

Orientoccidente chiude la sua 11esima edizione con un successo di pubblico

Con la piazza centrale di Loro Ciuffenna piena di persone che ballano e brindano con il ritmo del forrò, si è conclusa l’undicesima edizione del Festival Orientoccidente. E’ stata sicuramente una delle edizioni più belle e partecipate. Una...

Forrò2

Con la piazza centrale di Loro Ciuffenna piena di persone che ballano e brindano con il ritmo del forrò, si è conclusa l'undicesima edizione del Festival Orientoccidente. E' stata sicuramente una delle edizioni più belle e partecipate. Una proposta musicale e culturale che ha trovato ampi consensi e ha confermato la dimensione regionale e nazionale del festival.

Tutto il Valdarno aretino e fiorentino coinvolto, ventotto eventi, fra concerti, spettacoli teatrali, film, incontri, laboratori, in trentasette giorni di programmazione. Piazze e luoghi pieni di gente che si è appassionata alla nostra narrazione e si è fatta coinvolgere anche nella festa diffusa che abbiamo saputo allestire. Si può calcolare un totale di 10.000 presenze.

Un appuntamento che non ha mai voluto essere una semplice, e casuale, rassegna di concerti, alla ricerca del facile nome di richiamo...

Ma un intreccio di storie raccontate dalla varietà delle espressioni artistiche: il Settantesimo della Liberazione, l'eccidio di Srebrenica, la libertà delle idee, le migrazioni, la lotta alle mafie.

La voglia di reagire e la partecipazione che si fa speranza, attraverso la gioia di esserci e anche di muoversi con i ritmi inevitabili della musica.

Un festival che fa rete con le amministrazioni pubbliche, con l'associazionismo, con la cooperazione.

Che è legato al territorio e, allo stesso tempo, vuole osservare e provare a capire il mondo.

Un appuntamento a ingresso gratuito, perché sostenuto da soldi pubblici e dal lavoro di una comunità di operatori consapevole del ruolo anche sociale che sta svolgendo nel momento in cui si mette in testa di organizzare un evento di queste dimenzioni e con questi contenuti. Un festival etico. Ringraziamo tutti gli uffici cultura e turismo e gli assessorati dei Comuni, la Provincia di Arezzo, i nostri sponsor che ci hanno sostenuto, i media, i musicisti, gli artisti e i tecnici che hanno condiviso con il giusto spirito il senso del festival, tutti i nostri collaboratori.

Ringraziamo noi stessi, la Materiali Sonori, che ancora una volta ha resistito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orientoccidente chiude la sua 11esima edizione con un successo di pubblico

ArezzoNotizie è in caricamento