Musica e una mostra itinerante: "Così Arezzo non rinuncia alla cultura"

A seguito dell’emergenza Covid-19 il Cda della Fondazione Guido d’Arezzo riprogramma il calendario estivo

Arezzo non rinuncia alla cultura e riparte dalle eccellenze della città: a seguito dell’emergenza Covid-19, il Cda della Fondazione Guido d’Arezzo riprogramma il calendario estivo e mette in cantiere alcune iniziative mirate a valorizzare lo straordinario patrimonio culturale cittadino, gli operatori culturali e gli artisti aretini.

Le restrizioni imposte dalla pandemia che hanno avuto ricadute drammatiche sul settore turistico e culturale, hanno necessariamente costretto la Fondazione Guido d’Arezzo ad annullare i grandi appuntamenti estivi che hanno caratterizzato il suo operato; nel 2020 non si terranno il Concorso Polifonico Internazionale e il Raro Festival, ma Arezzo non molla e non rinuncia ad un estate all’insegna della cultura.

Il CdA infatti ha deciso di mettere in cantiere un appuntamento musicale e una mostra itinerante, che coinvolgeranno l’intera città segnandone idealmente la ripartenza.

Particolare attenzione è stata riservata poi ai soci della Fondazione per i quali, nel 2020, sarà rinnovata l’associazione a titolo gratuito. Una decisione dovuta verso chi ha aderito con fiducia ad un progetto condiviso e partecipato che adesso, più che mai, ha bisogno delle energie creative di tutti per costruire un nuovo futuro.

“Abbiamo creduto nella cultura come motore di crescita e sviluppo, adesso, oltre a ciò, crediamo nella cultura quale punto fermo della rinascita della città tanto da volerne ora sostenere concretamente la ripresa destinando contributi a coloro i quali della cultura hanno fatto la loro impresa – commenta il sindaco e presidente della Fondazione Guido d'Arezzo Alessandro Ghinelli -. Mai come dopo questi mesi di emergenza e di paura, di incognite e di incertezze, il talento e la creatività, il bello e l'armonia di cui vantiamo enorme ricchezza possono ridare fiducia nel futuro e nuovo slancio per la ripresa. Intendiamo valorizzarli e accompagnarli affinché tornino a diffondersi e ad affermare una delle caratteristiche più identitarie di questa Città, qual è appunto la cultura in ogni sua forma. Lo faremo con consapevolezza e nel rispetto delle regole, ma fermamente convinti della necessità di ripartire”.

“L’emergenza Covid-19 ha messo a dura prova chi opera nel settore culturale – sottolinea Roberto Barbetti direttore della Fondazione Guido d'Arezzo -. Adesso è il momento di guardare al futuro con entusiasmo, passione e creatività. Qualità che non mancheranno certo alla Fondazione Guido d’Arezzo e ai suoi soci che sapranno trovare nuove soluzioni per ripartire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento