Musica all'asilo, parte la sperimentazione del Comune di Arezzo

Il Comune di Arezzo porta la musica tra i più piccoli. La sperimentazione, che riguarda il nido Peter Pan e la scuola dell’infanzia di Sitorni, parte dall’11 aprile e coinvolgerà 20 bambini per ogni istituto. “L’importanza della formazione...

Suzuki_7_Note

Il Comune di Arezzo porta la musica tra i più piccoli. La sperimentazione, che riguarda il nido Peter Pan e la scuola dell’infanzia di Sitorni, parte dall’11 aprile e coinvolgerà 20 bambini per ogni istituto. “L’importanza della formazione musicale di base fin dalla più tenera età è ormai un dato di fatto, come integrazione dei migliori metodi di insegnamento – ha spiegato l’assessore Lucia Tanti. Proprio con lo spirito di incentivare l’approccio alla musica nei primi tre anni di vita, l’amministrazione ha avviato una collaborazione con due importanti realtà del territorio, la Scuola di Musica Le 7 Note, diretta da Luca Provenzani e Fabiana Barbini, e la Scuola di Musica “F. Coradini”, diretta da Alessandro Bertolino”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le due scuole offriranno a bambini e genitori una serie di corsi di musica basati sui più importanti metodi didattici per la prima infanzia, quali la Music Learning Theory di E. E. Gordon e il Metodo Suzuki di S. Suzuki: Musicainfasce®, Sviluppo della Musicalità®, Music Lullaby, Children Music Laboratory. “Alla base di entrambi i metodi didattici sta l’assunto che la musica si apprenda con procedimenti analoghi a quelli del linguaggio verbale. La varietà, la complessità e la ripetizione degli stimoli verbali nelle situazioni di vita quotidiana permettono al bambino di imparare a parlare in modo del tutto spontaneo”, ha spiegato Luca Provenzani.

“Allo stesso modo, attraverso l’imitazione e la comunicazione musicale è possibile avvicinarsi allo studio di uno strumento. Tali attività contribuiscono a sviluppare la personalità del bambino, alimentando la sua immaginazione e creatività e permettendogli di acquisire sicurezza, di migliorare la coordinazione, le abilità motorie, la capacità organizzativa e incentivare la socialità. La musica è uno strumento per vivere meglio”, ha concluso Alessandro Bertolino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Malore a scuola: docente trasferita a Siena in codice rosso

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento