Lo scrigno d’arte del Castello di S. Donato a Sestino tra pipistrelli e affreschi

E’ una località dell’alta Valtiberina, strategica fin dall’anno Mille, panoramica, alle prime pendici che annunciano la fortezza dei Medici sul Sasso di Simone. Terra appenninica, punteggiata da chicche artistiche, torri e castelli, chiese e vie...

AR SESTINO RISERVA NATURALE SASSO DI SIMONE-2

E’ una località dell’alta Valtiberina, strategica fin dall’anno Mille, panoramica, alle prime pendici che annunciano la fortezza dei Medici sul Sasso di Simone.

Terra appenninica, punteggiata da chicche artistiche, torri e castelli, chiese e vie romee, l’ultima marca toscana verso oriente, quella del sestinate, tutta immersa nella storia italica fatta di sacro e profano, dalle antiche radici romane, avamposto toscano tra il sogno realizzato del granducato mediceo e il governo sonnolento del papato nelle terre limitrofe. Lì al Castello di S. Donato, nella vecchia parrocchiale anni fa ci fu la sensazionale scoperta di affreschi che raffigurano uno splendido S. Sebastiano con Madonna in trono, angeli e santi e persino un seguace di S. Francesco come il Beato Lando. Oltre alla splendida allegoria, le scoperte si fecero incalzanti con ulteriori strati di dipinti. L’insieme pittorico diede il via all’intelligente progetto del Centro di Documentazione della Cultura Figurativa del Piviere Nullius di Sestino nelle sale adiacenti agli affreschi. DEMOS ha sempre sostenuto che la cultura è sviluppo e il turismo è lavoro, una linea di prospettiva che deve valere anche per le Terre Alte della nostra Valtiberina. La cultura è una grande occasione di attrazione di un turismo di qualità che può significare anche economia indotta. Ora il Centro di Documentazione è quasi abbandonato e la sua agibilità sopravvive grazie alla sagacia dell’Ufficio Turistico di Sestino dove si trovano le chiavi per aperture su richiesta. Gli affreschi non sono adeguatamente promossi in chiave turistica e i visitatori sono sempre più i pipistrelli che nidificano all’interno della chiesa che li accoglie. Immota sul Centro di Documentazione del Castello di S. Donato veglia l’antica Torre del XI secolo.

Un sistema storico culturale di grande pregio che deve vivere in sicurezza e promozione.

Lo scrigno d’arte del Castello deve aprirsi per mostrare i suoi tesori.

DEMOS Osservatorio cattolici democratici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento