L'eccidio di Civitella e le storie della Resistenza, uno spettacolo ispirato dal partigiano Succhielli

Il 22 aprile al teatro di Laterina andrà in scena "El mi cittino", di Andrea Ferri e Matteo Malfetti. Due ragazzi raccontano attraverso la narrazione di Matteo Malfetti la storia dell'eccidio di Civitella in Val di Chiana dal punto di...

renzino




Il 22 aprile al teatro di Laterina andrà in scena "El mi cittino", di Andrea Ferri e Matteo Malfetti. Due ragazzi raccontano attraverso la narrazione di Matteo Malfetti la storia dell'eccidio di Civitella in Val di Chiana dal punto di vista di Edoardo Succhielli, giovane comandante delle forze partigiane che operavano in loco ed al quale per settant'anni è stata attribuita la responsabilità della strage.

Siamo nel settembre del 1943, momento cruciale segnato dall'armistizio, e la nostra storia comincia nel momento in cui Succhielli decide di darsi alla macchia. Forma ed assume il comando della banda partigiana Renzino, che diventerà il suo nome di battaglia. Questa storia passa attraverso la sparatoria del dopolavoro, errore secondo alcuni e dovere secondo altri, ed arriva alla battaglia di Montaltuzzo ed infine alla strage avvenuta a Civitella e nei paesi limitrofi.

Edoardo Succhielli

Una delle fonti, la più autorevole, è proprio Edoardo Succhielli, che settantatre anni dopo sconta ancora le proprie responsabilità da cittadino libero, libero anche grazie a se stesso. Faranno parte dell’allestimento dei contributi audio registrati in occasione di una delle interviste che ci ha concesso per darci la possibilità di raccontare, nel migliore dei modi, questa drammatica vicenda troppo spesso dimenticata.

È questo un racconto che parla di giovani persone, un racconto in cui non ci sono né eroi né vincitori, un racconto in cui è l’errore umano di valutazione, di inesperienza, di presunzione che rende i protagonisti così vicini a chi ascolta sebbene così lontani nelle situazioni: questi ragazzi vengono infatti messi nella condizione di dover affrontare una battaglia per sé e per gli altri, per noi si direbbe, decidendo di mettere la testa fuori dalla propria tana esponendosi così a pericoli e rischi inimmaginabili per dei giovani, poco più che ventenni: primo fra tutti quello di sbagliare.








Attraverso un narratore grottesco, un ritmo incalzante e una regia ridotta all'essenziale veniamo portati all’interno del ricordo, delle situazioni e delle dinamiche di quei giorni difficili e bisognosi di qualcuno che potesse prendersi la Responsabilità di agire, di muovere e, appunto, anche di sbagliare.

Un testo nato dal lavoro attoriale e dal bisogno di raccontare: raccontare per ricordare, raccontare per custodire, raccontare per imparare.
Andrea e Matteo, prima ancora di essere autori, interpreti e confezionatori dell’allestimento, sono due spettatori: sanno bene che una tragica vicenda come quella di Renzino ha bisogno di un vestito, ha bisogno di un sorriso, ha bisogno di poesia: è questa la direzione che hanno dato al loro lavoro.

Lo spettacolo ha ottenuto il patrocinio del Comune di Ripi (Fr) in quanto iniziativa meritevole per sua finalità di promozione culturale e artistica.







LA STORIA: Primavera 1944. Nei dintorni di Arezzo opera una banda partigiana, la “Renzino”, nome di battaglia del suo comandante: un ragazzo di 25 anni. Composta prevalentemente da giovani del luogo e da prigionieri di guerra scappati dai vicini campi di prigionia, operano in Val di Chiana nelle zone attorno a Civitella, piccolo centro ma importante crocevia tra nord e sud della penisola. Le azioni della banda consistono nel disarmare i tedeschi e nel cercare di recuperare il maggior numero di armi possibili.

18 giugno 1944. Un ragazzo di Civitella vicino alla resistenza comunica al comandante Renzino la presenza di quattro tedeschi all’interno del circolo dopo lavoro del paese. Il comandante decide di intervenire. I tedeschi reagiscono. Colluttazione. Sparatoria. Morte di 3 soldati germanici.

29 giugno 1944. Rappresaglia da parte dei tedeschi ed uccisione di più di duecento persone: la strage di Civitella Cornia e San Pancrazio.




Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento