Cultura

Le tradizioni, quelle belle: il Natale di Porta Romana

Il Natale da vivere in famiglia, anche nella famiglia allargata del rione. Porta Romana tiene fede alla sua storia e come sempre vivacizza il periodo delle festività natalizie per rendere calore, empatia e affetto a tutti i rionali. In...

natale-albero-regali

Il Natale da vivere in famiglia, anche nella famiglia allargata del rione. Porta Romana tiene fede alla sua storia e come sempre vivacizza il periodo delle festività natalizie per rendere calore, empatia e affetto a tutti i rionali. In un'atmosfera quest'anno più colorata, grazie a un potenziamento del sistema delle luminarie, e impreziosita dalla collocazione del Presepe vivente (in programma il 26 dicembre), il rione della Lupa conferma un calendario di eventi fra festeggiamenti, tradizioni, e momenti di preghiera.

A questo proposito, infatti, torna la solenne ricorrenza della Messa in suffragio dei caduti del bombardamento bellico del 19 dicembre 1943, che quest'anno viene effettuata domenica 17 alle 10 nella chiesa di San Filippo (piazza del Collegio). Porta Romana si stringe intorno al suo popolo per ricordare un dramma di guerra che ha sfigurato nel volto e nell'anima non solo decine di famiglie castiglionesi ma anche l'identità urbanistica di una grande fetta di centro storico.

Per passare al calendario prettamente natalizio, si parte la sera della vigilia, quando le "renne" giallorosse accompagneranno Babbo Natale nelle famiglie rionali (per prenotare la visita, contattare Luca al 331 9862390) per una simpatica serata di gioia e condivisione. Il giorno di Santo Stefano, durante il pomeriggio, alcune strade simbolo del rione (fra cui vicolo dei Galli e via San Giuliano) saranno attraversate dal percorso di uno dei Presepi viventi più seguiti e animati della provincia, organizzato dalla Proloco in collaborazione con tante associazioni del territorio. Giovedì 28 serata a suon di tombola nella sede a San Lazzo, mentre venerdì 5 gennaio si chiude con il consueto cenino della Befana durante il quale, fra un torroncino e una scheda della tombola, farà visita la Befana con calze piene di sorprese per tutti i piccoli lupacchiotti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le tradizioni, quelle belle: il Natale di Porta Romana

ArezzoNotizie è in caricamento