La recensione di Jamaica Inn

Mary Yellan, giovane ragazza, perde la madre. Rimasta sola si vede costretta a trasferirsi dagli zii. Zia Patience, sorella della madre, e suo marito Joss Merlyn, gestiscono una locanda situata in mezzo al nulla frequentata da personaggi “...

inn

Mary Yellan, giovane ragazza, perde la madre. Rimasta sola si vede costretta a trasferirsi dagli zii. Zia Patience, sorella della madre, e suo marito Joss Merlyn, gestiscono una locanda situata in mezzo al nulla frequentata da personaggi “ particolari”. Il paesaggio è quello della Cornovaglia e la brughiera è descritta in modo pittorico dall’autrice.

Mary, durante la sua permanenza al Jamaica Inn, imparerà a conoscere lo zio, violento e privo di scrupoli. La zia ormai terrorizzata da Joss è rimasta priva di quelle vivacità che l’aveva accompagnata fino al giorno del matrimonio. Mary vuol salvare Patirnce da quel brutto individuo chi è lo zio, smascherare i loschi traffici che si consumano all’interno della locanda e scoprire a cosa serve la stanza chiusa in fondo il corridoio a cui nessuno ha accesso.

L’incontro con Jen Merlyn, fratello di Joss, l’attrazione e la volontà di respingerlo saranno elementi contrastanti della storia. “Jen rovesciò il capo all’indietro e rise, e Mary non potete resistere. Le loro risate risuonavano nella strada e la gente si voltava guardarli, ne veniva contagiata, sorrideva e poi finiva peschi incazzare”. P. 143

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
La disperazione e l’ospitalità della famiglia Bassat daranno una svolta all’avvincente trama. Un incontro importante sarà quello tra Mary e Francis Davey, parroco di Altarun, albino, misterioso e intrigante. “ L’ultima cosa che ricordavo era la mano del parroco sulla fronte e quegli occhi bianchi fissi che le dicevano di dimenticare. Poi si era addormentato, Come lui aveva ordinato di fare”. P. 240.

Oggi il Jamaica Inn è una locanda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

  • Comunali 2020: liste, candidati, sezioni e voti: tutte le preferenze espresse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento