La Giornata della Memoria con lo spettacolo in musica Wiegenlied

Domenica 31 gennaio alle ore 21.15 presso il Teatro Verdi di Monte San Savino, si celebra, in collaborazione con l’Associazione Salomon Fiorentino, la Giornata della Memoria con lo spettacolo in musica WIEGENLIED Ninnananna per l’ultima notte a...

 

Domenica 31 gennaio alle ore 21.15 presso il Teatro Verdi di Monte San Savino, si celebra, in collaborazione con l’Associazione Salomon Fiorentino, la Giornata della Memoria con lo spettacolo in musica WIEGENLIED Ninnananna per l’ultima notte a Terezín, tredici strumenti originali del ghetto suonano le composizioni di Ilse Weber

Da un progetto di Matteo Corradini e la produzione di Officine della Cultura La PAVEL ŽALUD ORCHESTRA diretta da Enrico Fink, porterà in scena la memoria.

Musicisti: percussioni Massimiliano Dragoni, basso e contrabbasso Luca “Roccia” Baldini fisarmonica Riccardo Battisti, tambura e bouzouki Massimo Ferri, mandolino Massimo Greco, flicorno basso Saverio Zacchei, tromba Maria Rossi, clarinetti Gianni Micheli e Alessandra Andreani, oboe Lea Mencaroni, violino Mariel Tahiraj, viola Natalia Orozco flauto traverso Enrico Fink, flauto e ottavino Lavinia Massai.

Dalla primavera del 2009, lo scrittore ed ebraista Matteo Corradini ha recuperato tredici strumenti musicali di marca Zalud appartenuti a musicisti ebrei deportati nel ghetto di Terezín e utilizzati nel ghetto nel corso del progetto di propaganda nazista. Realizzati tra la fine del XIX secolo e il 1942 a Terezín, gli strumenti hanno accompagnato il destino degli ebrei del ghetto, in particolare dei musicisti praghesi e tedeschi. La Pavel Zalud Orchestra, fondata da Matteo Corradini e diretta da Enrico Fink, suona per la prima volta tutti insieme i 13 strumenti musicali, riportati alla vita, in un concerto-reading. Lo spettacolo è incentrato sulle musiche composte negli anni del ghetto, in particolare da Ilse Weber, e sul racconto dell’esperienza unica di Terezín. L’intreccio tra parole lette e musica, fa da filo conduttore tra le storie di alcune figure: ragazzi che resistono, uno scultore solitario, un giustiziato che in sogno si mette a parlare, una lampadina da accendere... Ci si potrà interrogare sul senso della verità, e su come la si possa cercare anche quando tutto intorno crolla, anche quando la vita è in pericolo.

L’ex deportato Ruth Kluger ha osservato che «A Theresienstadt la cultura aveva un valore enorme». Nel ghetto sono nati e cresciuti numerosi cori, gruppi di cabaret, orchestre di musica classica e popolare. Era attiva perfino la critica musicale, nonché lezioni di musica e di teoria musicale, in particolare ad opera di Viktor Ulmann. Si potevano ascoltare le opere sinfoniche e da camera di Mozart, Beethoven, Brahms, Janácek e Suk, oltre a oratori, canti religiosi e nazionali, e opere come Carmen, Tosca. Chi era in possesso di una rara autorizzazione, poteva passare due ore nel caffè musicale che era stato aperto l’8 dicembre 1942, e ascoltare musica popolare e swing. A Terezín sono stati composti nuovi e originali pezzi di musica negli stili più diversi. Molti degli artisti imprigionati hanno cercato di mantenere la propria identità musicale attraverso lo studio e la prosecuzione della loro attività. Alcuni tra loro sono stati esonerati dai lavori del campo per essere inseriti nella cosiddetta “Divisione Svago” (Freizeitgestaltung).I momenti di cultura erano in netto contrasto con il tentativo quotidiano di sopravvivere. Vista la loro utilità a scopo di propaganda, la direzione SS del ghetto non solo tollerava, ma anzi accolse spesso con favore la vita culturale dei prigionieri.

Nel dicembre 1943 cominciò il cosiddetto “abbellimento della città” (Stadtverschönerung). L’obiettivo dei nazisti era di mostrare Theresienstadt al mondo, e in particolare agli ispettori della Croce Rossa Internazionale, come un modello di insediamento ebraico. Proprio durante la visita di una commissione della Croce Rossa, i musicisti detenuti hanno eseguito il Requiem di Verdi e l’opera per bambini Brundibár di Krása.

Il film di propaganda Theresienstadt. Ein Dokumentarfilm aus dem Jüdischen Siedlungsgebiet (Theresienstadt: un documentario della zona di insediamento ebraico), realizzato dai nazisti tra l’agosto e il settembre del 1944, ha uno scopo di propaganda simile. Per l’occasione, i nazisti utilizzarono gli strumenti Zalud recuperati dal magazzino non lontano da Terezín. Nelle operazioni di liquidazione del ghetto, dal 28 settembre al 28 ottobre 1944, gran parte dei musicisti vennero deportati ad Auschwitz, tra i quali i compositori Pavel Haas, Hans Krasa, Gideon Klein e Viktor Ullmann. In seguito e per le stesse ragioni propagandistiche, la vita culturale è stata ricostruita a Theresienstadt, con l’aiuto dei restanti detenuti e dei prigionieri appena arrivati.

INFO E PREVENDITE

tel dedicato 338 8431111

Monte San Savino:

Ufficio Informazioni Turistiche, Piazza Gamurrini 22 (c/o Il cassero) tel. 0575 849418

Arezzo:

Officine della Cultura - via Trasimeno 16, tel. 0575 27961

Rete Teatrale Aretina - via Bicchieraia 34, tel. 0575 1824380

CIRCUITO BOXOFFICETOSCANA www.boxofficetoscana.it

PREVENDITA ON LINE www.boxol.it

BIGLIETTERIA

presso il teatro apertura ore 20.00

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento