Cultura

La carica dei 500: che successo per la Marzocchina

545 iscritti, dei quali 496 schierati alla partenza; 70 le donne; quasi ottantenne (classe 1940) il più “anziano”, vent’anni il più giovane. Sono questi alcuni numeri della Marzocchina, la ciclo storica che ieri (domenica 9 settembre 2018) a San...

1-_X2A2051

545 iscritti, dei quali 496 schierati alla partenza; 70 le donne; quasi ottantenne (classe 1940) il più "anziano", vent'anni il più giovane. Sono questi alcuni numeri della Marzocchina, la ciclo storica che ieri (domenica 9 settembre 2018) a San Giovanni Valdarno ha chiuso con grande successo la sua sesta edizione.

Baciata dal sole di una bella domenica settembrina, la corsa ha portato i suoi partecipanti nel cuore del Valdarno aretino, grazie ai tre percorsi che hanno toccato i borghi più belli dell'area, passando anche dai 20 chilometri di strada bianca dell'area mineraria di Santa Barbara, nel comune di Cavriglia, recuperata grazie all'importante lavoro svolto da Enel. Enel, anche quest'anno main sponsor ufficiale dell'evento, era presente alla partenza, lungo il percorso e alla cerimonia di premiazione con il responsabile dell'area ex mineraria Claudio Teloni, il quale ha espresso grande soddisfazione per questa collaborazione che coniuga storia, energia, cultura e sport con il passaggio nel suggestivo contesto della miniera che ha ricevuto apprezzamenti da parte di tutti i partecipanti alla manifestazione, organizzata da Confcommercio e Pro Loco sangiovannese con il patrocinio di Regione Toscana, Camera di Commercio di Arezzo, Comuni di San Giovanni Valdarno, Laterina Pergine Valdarno, Montevarchi, Cavriglia e Bucine e la collaborazione di Moretti spa, Banca del Valdarno, Savini e altri sponsor privati.

La domenica è trascorsa in un bel clima di festa, tra ciclisti "vintage", accompagnatori, appassionati e un folto seguito di curiosi che hanno voluto seguire l'evento in prima persona. Due i premiati a fine giornata, non perché arrivati per primi, visto che la corsa non è competitiva, ma per il look più originale: Marco Consorti e Sofia Bandini, che hanno ricevuto l'omaggio offerto da Mantovani Ritz Boutique dalle mani del presidente del consiglio regionale di Toscana Eugenio Giani e del direttore della Camera di Commercio di Arezzo Giuseppe Salvini.

La Marzocchina dà ora appuntamento al settembre 2019 per la sua settima edizione.

"Archiviamo un'edizione straordinaria", dicono gli organizzatori, "abbiamo superato il record degli iscritti, che erano non solo italiani provenienti in particolare dalle regioni del centro-nord, ma anche stranieri: americani, canadesi, tedeschi, polacchi, belgi. C'era addirittura chi il giorno prima aveva partecipato all'Eroica sulle Dolomiti e poi si è precipitato da noi per non perdersi La Marzocchina. Segno che il ciclismo vintage piace, sta diventando una passione sempre più contagiosa, all'insegna del buon viver e del turismo slow".

"Tutti hanno apprezzato il contesto naturalistico della Marzocchina e hanno trovato stupendi i tratti di strada bianca nei vari comuni interessati, tenuti in modo impeccabile. Percorsi che molti ancora non conoscevano, ma che ora col passaparola diventeranno mete imperdibili. Per non parlare dell'ex area mineraria, che ha incantato ogni partecipante. Ringraziamo quanti hanno contribuito al successo della manifestazione: agli sponsor, al Mavericks Scooter Group SGV che ha scortato i nostri ciclisti, al foto Club Il Palazzaccio che ha documentato i momenti salienti della corsa e a chi, come la Pro Loco di Pergine Valdarno, ha dato il proprio prezioso contributo per l'allestimento dei golosi punti ristoro, un vero trionfo dei migliori prodotti tipici del territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La carica dei 500: che successo per la Marzocchina

ArezzoNotizie è in caricamento