Cultura

La Battaglia di Anghiari rivive nel Palio della Vittoria. L'edizione 2018 il 29 giugno

Si è svolta questa mattina sotto le mura antiche che circondano Anghiari, la presentazione del Palio della Vittoria 2018, manifestazione in programma ad Anghiari venerdì 29 giugno a celebrazione della Battaglia di Anghiari combattuta nel 1440 e...

cof-93

Si è svolta questa mattina sotto le mura antiche che circondano Anghiari, la presentazione del Palio della Vittoria 2018, manifestazione in programma ad Anghiari venerdì 29 giugno a celebrazione della Battaglia di Anghiari combattuta nel 1440 e poi dipinta da Leonardo Da Vinci. Durante l'incontro è stato illustrato il programma della 16° edizione dell'epoca moderna del Palio della Vittoria, l'evento organizzato dall'Associazione Culturale Palio della Vittoria con il patrocinio del Comune di Anghiari e con il sostegno della Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo, di Estra, di Coingas, di Silicium Italia e di tanti altri sponsor che con il loro contributo ne permettono la realizzazione.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il sindaco di Anghiari Alessandro Polcri, la presidente dell'Associazione Culturale Palio della Vittoria Miriam Petruccioli, i rappresentanti del corteo di Anghiari, il maestro di campo Valter Capacci, il direttore della Filiale di Anghiari della Banca di Anghiari e Stia Roberto Romei ed il titolare di Silicium Italia Alfredo Giorni.

La giornata di venerdì 29 giugno si aprirà alle ore 18:30 con la rievocazione storica e con l'arrivo in Piazza Baldaccio dei Sindaci e dei gruppi storici dei comuni partecipanti e vivrà il momento più atteso al calar del sole con l'inizio della corsa in salita (1440 metri dalla Cappella della Vittoria situata nella pianura che lega Anghiari e Sansepolcro fino a Piazza Baldaccio) e che assegnerà al Comune vincitore l'ambito palio. Lo scorso anno ad aggiudicarsi il titolo fu Firenze con Ivan Poggi. La rievocazione vedrà la presenza dei gruppi storici di Firenze, Arezzo, Sansepolcro, Anghiari e per la prima volta dell'Associazione Culturale Scannagallo, mentre la corsa sarà ripresa quest'anno con tre telecamere (una dal drone per fornire una ripresa ancora più affascinante) ed una regia sul posto per poi essere trasmessa in diretta nel web, nel maxischermo posizionato in Piazza Baldaccio e su Teletruria. Novità che renderanno ancora più intensa la manifestazione, assieme alla consegna della borsa di studio per il concorso "Racconto il mio Palio" realizzato in collaborazione con Banca di Anghiari e Stia e Istituto Comprensivo di Anghiari.

Ogni Comune potrà presentare al via della corsa un massimo di 7 atleti (uno in più Firenze che si aggiudicò il Palio nel 2017). "Si sono già iscritti alla gara 86 corridori - ha spiegato il maestro di campo Valter Capacci - in rappresentanza di ben 17 Comuni ed è un doppio record che ci rende davvero orgogliosi. Mai si era vista una partecipazione tanto elevata e ci apprestiamo a vivere una competizione ancora più spettacolare degli anni precedenti. Vinca il migliore".

Le iniziative collaterali inizieranno domenica 24 giugno, giornata nella quale sono in programma il "Secondo Torneo Nazionale Arcieri LAM" nel centro storico di Anghiari (dalle 8:30 alle 16:00) e la "Benedizione del Palio" (dalle ore 20:30). Importante anche la conferenza "Un Santo alla Battaglia di Anghiari" fissata per giovedì 28 giugno alle ore 21:00 al Museo della Battaglia e di Anghiari con protagonista il professor Giovanni Ciappelli dell'Università di Trento.

Venerdì 29 giugno sarà infine il grande giorno del Palio della Vittoria 2018. Il programma si aprirà ore alle 18:30 con la rievocazione storica, vivrà il momento clou con l'emozionante corsa in salita e si concluderà subito dopo la gara con l'affascinante e gustosa "Cena sulle Antiche Mura" (alla quale previa prenotazione tutti possono partecipare). sdr LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Alessandro Polcri (Sindaco di Anghiari). "Ringrazio l'Associazione Culturale Palio della Vittoria e tutti coloro che collaborano all'organizzazione di questo splendido evento, compresi ovviamente gli sponsor. Anghiari e tutti gli anghiaresi sono pronti per vivere le emozioni del 29 giugno ed anche al di fuori del nostro paese si registra un enorme interesse. Sarà una edizione da record per la bellezza della corsa, per la partecipazione di oltre 80 atleti e per tutte le iniziative previste. Il clou del Palio è la gara a piedi, ma oltre all'aspetto sportivo vorrei come sempre mettere in risalto il valore storico e culturale con l'importanza della Battaglia di Anghiari e con un richiamo sempre più forte, visto che nel 2019 ricorreranno i cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci".

Miriam Petruccioli (Vicario Magistratura del Palio). "Ci siamo quasi e non vediamo l'ora che sia il 29 giugno per vivere lo spettacolo che ogni anno ci regala il Palio. Abbiamo lavorato con intensità e per questo ringrazio istituzioni, sponsor e collaboratori. Per il 2018 ci siamo concentrati molto sulla corsa perché è l'anima del Palio, essendo unica al mondo, e vogliamo farla ammirare in tutto il suo fascino. Ci saranno riprese particolareggiate anche dal drone e la gara sarà trasmessa in diretta sia nel maxi-schermo in piazza che su Teletruria. Al via ci saranno più corridori e più Comuni e questo renderà ancora più avvincente la competizione. Siamo nell'albo delle rievocazioni storiche e anche la sfilata sarà arricchita dal gruppo di Scannagallo che si aggiungerà agli importanti gruppi presenti ogni anno. Poi alla fine la cena sulle antiche mura. Vi aspettiamo".

Roberto Romei (direttore Filiale di Anghiari della Banca di Anghiari e Stia). "La nostra Banca è da sempre presente nel territorio e sostiene con convinzione le manifestazioni che ne esaltano i valori e le eccellenze sotto il profilo storico, culturale, sportivo e paesaggistico. Il Palio della Vittoria mette in evidenza questi elementi ed è un evento unico nel suo genere con la rievocazione della Battaglia di Anghiari e con questa affascinante gara che regala sempre infinite emozioni".

Alfredo Giorni (Silicium Italia). "Il Palio della Vittoria è una manifestazione molto importante per Anghiari e per tutto il territorio, quindi ho deciso di sostenere con la mia azienda questa iniziativa diventando sponsor tecnico della corsa. Sono uno sportivo e penso che non ci siano competizioni così particolari ed intense. Il 29 giugno la battaglia si rinnoverà ed invito chi non l'ha ancora mai vista a non perdersi questa edizione".

Non hanno partecipato alla conferenza a causa di altri impegni Macrì e Staderini, i presidenti di Estra che comunque hanno confermato il loro prezioso sostegno al Palio anche per il 2018.

Francesco Macrì (Presidente Estra). "La nostra è una comunità che non può fare a meno della sua storia. Quello che siamo oggi ha radici profonde che vanno evidenziate anche con eventi come questo. Il Palio della Vittoria ricorda una battaglia che ha determinato la storia del nostro territorio e della Toscana. Ricordarla è festa ed agonismo ma anche rispetto e valorizzazione della nostra storia. Compiti ai quali Estra non si sottrae perché è un'azienda di questo territorio del quale si sente parte essenziale".

Sergio Staderini (presidente Coingas)."Coingas è dei Comuni. E, ovviamente, è con i Comuni soprattutto quando s'impegnano in attività non di ordinaria amministrazione. Il Palio della Vittoria è un appuntamento importante nel panorama regionale delle rievocazioni storiche. E' uno strumento per rendere chiara a tutti l'identità di Anghiari e di altri Comuni che hanno storie importanti che hanno determinato svolte decisive nella storia. Oggi parliamo di un evento del 1440, talmente decisivo che lo ricordiamo dopo quasi sei secoli".

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Battaglia di Anghiari rivive nel Palio della Vittoria. L'edizione 2018 il 29 giugno

ArezzoNotizie è in caricamento