Cultura

In bici sulla via della transumanza dall'Appennino in Maremma

Anche l’ottava edizione di “In bicicletta sulle vie della transumanza - La Via dei Biozzi” va in archivio, facendo registrare quest'anno una sensibile crescita sia per ciò che concerne il numero dei partecipanti in sella, sia per il riscontro di...

Valico di Viamaggio

Anche l'ottava edizione di "In bicicletta sulle vie della transumanza - La Via dei Biozzi" va in archivio, facendo registrare quest'anno una sensibile crescita sia per ciò che concerne il numero dei partecipanti in sella, sia per il riscontro di pubblico e di attenzione mediatica ricevuta. La manifestazione, organizzata dall'associazione "Fuori dalle Vie Maestre" in collaborazione con le Pro Loco e altri soggetti del territorio, si è svolta da giovedì 6 a domenica 9 settembre, ricalcando la più orientale fra le tante direttrici della transumanza che dall'Appennino tosco-emiliano e tosco-romagnolo scendevano in Maremma.

Ricostruita dai principali studi storici sull'argomento, la "via dei Biozzi" prende il nome dalla più grande famiglia di possidenti e allevatori dell'Alta Valtiberina nonché proprietari della fattoria di Viamaggio, per secoli punto di raccolta delle greggi sparse sui crinali di queste montagne. Da qui, in settembre partivano migliaia di pecore (ma anche bovini e cavalli) per iniziare un viaggio che in circa 10 giorni li avrebbe portati in Maremma e più precisamente nella fattoria "La Valentina", ancora oggi esistente, nell'area del Parco dell'Uccellina. Trascorsi i mesi invernali su questi pascoli, a fine di maggio si compiva il viaggio in direzione inversa per raggiungere gli alpeggi.

L'itinerario cicloturistico - circa 230 km su provinciali poco trafficate, strade bianche, vicinali e sterrate attraverso le provincie di Arezzo, Siena e Grosseto - prende in considerazione anche le varianti al tracciato principale, privilegiate nel tempo dai pastori. Il viaggio è suddiviso in quattro tappe, per dar modo ai ciclisti di compiere brevi visite nei luoghi di maggior interesse e per le immancabili soste a sfondo enogastronomico. Il primo giorno, da Badia Tedalda (punto di partenza nel cuore dell'Alpe della Luna) si raggiunge il Valico della Scheggia e quindi Anghiari, dopo aver toccato la storica località di Ponte alla Piera ed aver percorso uno splendido tratto tra i boschi dell'antica via Ariminensis. La seconda tappa attraversa Arezzo, tocca Gargonza e Modanella costeggiando campi e vigneti, con sosta finale a Serre di Rapolano. La terza giornata di viaggio, la più suggestiva dal punto di vista paesaggistico, prevede l'attraversamento delle crete senesi e della Val d'Orcia, pedalando tra borghi, castelli e abbazie (tra cui quella di S. Antimo), finché, immersi in una natura a tratti ancora selvaggia, si perviene a Cinigiano, antico luogo di dogana per i pastori che entravano nei pascoli della Maremma. Infine, ultima tappa per scendere ad Alberese e poi alla Valentina, nel cuore del Parco Naturale della Maremma.

Da segnalare la serata particolarmente ricca (sotto ogni punto di vista, a partire dall'intrattenimento canoro e musicale) della tappa di Anghiari, dove presso il "Bistrot della Fonte" il gruppo dei ciclisti ha incontrato i rappresentati delle Pro Loco di Badia Tedalda e di Anghiari, i referenti delle istituzioni locali e un pubblico numeroso e interessato. Un sentito ringraziamento, dunque, va a tutti coloro che hanno contribuito in vario modo alla realizzazione della manifestazione, a cominciare ovviamente da chi ha pedalato. Oltre a "Fuori dalle Vie Maestre" e alla Pro Loco di Badia Tedalda - i soggetti principalmente impegnati per la realizzazione dell'evento - nel 2018 hanno collaborato a vario titolo o preso parte alla manifestazione: Proloco Anghiari, L'Intrepida - Cicloturistica d'Epoca, Pro Loco Cinigiano, Subwaylab, Agriturismo "Il Poderino", Talozzi -Bistrot della fonte, Comune di Rapolano Terme, FIAB Amici della Bici Arezzo, FIAB Grossetociclabile, Associazione "FIAB Amici della Bicicletta" Siena, Agriturismo "La Valentina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In bici sulla via della transumanza dall'Appennino in Maremma

ArezzoNotizie è in caricamento