Il video su Giorgio Vasari degli studenti. La prima visione martedì al Liceo Artistico

Si può ancora parlare di una scuola di qualità, nonostante i tagli alla spesa pubblica e le ferite inferte dalla politica al mondo dell'istruzione? La risposta viene direttamente dai fatti: la realizzazione di un video documentario su Giorgio...

Si può ancora parlare di una scuola di qualità, nonostante i tagli alla spesa pubblica e le ferite inferte dalla politica al mondo dell'istruzione? La risposta viene direttamente dai fatti: la realizzazione di un video documentario su Giorgio Vasari, frutto di una proficua collaborazione tra ordini scolastici diversi. Cast d'eccezione e regia brillante per un'entusiasmante esperienza di cinema: questi gli ingredienti principali di "Ciak si gira", progetto di continuità verticale in collaborazione con il Polo Museale Toscano che ha visti coinvolti studenti e insegnanti delle classi VA della Scuola Primaria Monte Bianco, la classe 2A della scuola Media dell' I.C. Vasari e la classe 2 MC1 del Liceo Artistico Audiovisivo e Multimediale sezione cinema, per la realizzazione di un video/documentario su Giorgio Vasari.

L'intento del progetto dal titolo “CIAK, SI GIRA", connesso al più ampio percorso del "Vasari Festiva Show: la festa delle arti", riguarda la realizzazione di un video documentario sul nostro illustre concittadino Giorgio Vasari.

Attraverso la realizzazione del suddetto prodotto multimediale gli studenti di 10 e 12 anni, coadiuvati dagli insegnanti - sotto la regia degli studenti del Liceo Artistico Multimediale sezione cinema di Arezzo, guidati dal professor Salpi – hanno potuto raccontare la vita e l'opera del Vasari, utilizzando un linguaggio universale come quello multimediale, congeniale e molto amato dalle nuove generazioni. Il progetto nasce dall'esigenza di attivare un importante progetto di Continuità Verticale tra l'I.C. Vasari, e il Liceo Artistico Multimediale. Grazie alla disponibilità dei Dirigenti Dott. Luciano Tagliaferri e Dott.ssa Assunta Sorbini ed al patrocinio di Comune e Provincia, oltre che alla collaborazione del Polo Museale Toscano si è potuto realizzare un progetto che ha dato senso e valore al concetto di comunità di apprendimento, potenziando il senso di appartenenza e co-costruendo una scuola come luogo di ben-essere per tutti. Inoltre per gli studenti del Liceo Artistico coinvolti è stato un momento significativo in cui poter mettere in pratica le conoscenze tecnico-scientifiche acquisite a scuola.

L'insegnante Sandra Guidelli, ideatrice e responsabile dell'iniziativa afferma

"consapevoli dell'importanza che la sensibilizzazione verso l'arte riveste per la formazione del nuovo cittadino europeo, abbiamo pensato di realizzare un progetto teso a promuovere la valorizzazione del patrimonio artistico e storico-culturale del nostro territorio. Il progetto, volto a privilegiare la costruzione attiva dei saperi da parte degli studenti ha previsto l'acquisizione di conoscenze sul grande artista aretino Giorgio Vasari e sulle sue opere letterarie, pittoriche e architettoniche. Il Progetto si è articolato in un lavoro in classe attraverso il metodo di ricerca attiva per la costruzione di conoscenze sull'artista, lezioni frontali tenute dalle docenti di scuola media Angela Del Cucina e Lucia Facchielli, una visita guidata nei poli museali aretini, custodi delle opere del Vasari e la realizzazione di un video/documentario con la collaborazione di una classe Liceo Artistico Multimediale, mirabilmente diretta dal professore Salvatore Salpietro. Un ringraziamento particolare va ai Dirigenti Scolastici Assunta Sorbini e Luciano Tagliaferri, che hanno accolto con entusiasmo l'iniziativa, senza dimenticare la disponibilità della Dottoressa Ippolito, che ha organizzato le visite ai siti artistici, con professionale attenzione."

Il Dirigente Scolastico Luciano Tagliaferri ha messo a disposizione le competenze dei propri docenti e le moderne dotazioni tecnologiche del Liceo per la realizzazione del video in quanto consapevole che "Ogni studente porta nella scuola la sua storia, le sue emozioni, le conoscenze e l’intreccio di esperienze e relazioni che costituiscono la sua identità; a scuola ha la possibilità non solo di scoprire altri compagni, ma anche di consolidare la conoscenza di sé, prendendo consapevolezza delle proprie potenzialità e risorse. Da un punto di vista olistico l’essere umano può essere considerato come un sistema complesso costituito da dimensioni interdipendenti: la dimensione corporea, emozionale e intellettuale. La scuola deve prendersi cura di ciascuna di queste dimensioni, offrendo percorsi formativi che tengano nel dovuto conto l’educazione affettiva, l’educazione alla relazione e alla comunicazione. Il percorso proposto dal progetto si fonda su una metodologia che concepisce l’educazione all’arte come uno stimolo allo sviluppo della sensibilità, alla comprensione della propria identità e della realtà che ci circonda. La creazione di un video multimediale, diventa uno strumento complementare ai processi educativi e didattici, diventando un pretesto per sviluppare il senso di appartenenza alla collettività scolastica, nell’intento di favorire lo sviluppo integrale dell’individuo e migliorare, al contempo, il clima all’interno dei vari gruppi classe, inseguendo l’idea chiave della prevenzione del disagio e della dispersione scolastica.

In quest'ottica il laboratorio artistico-espressivo di realizzazione di un video si è offerto come uno spazio attivo, di educazione, di confronto, riflessione e arricchimento, permettendo alla scuola di rivestire pienamente il proprio ruolo di istituzione formativa e culturale."

Il video/documentario verrà proiettato martedì 30 maggio ore 16:30 presso l'aula magna del Liceo Artistico Via XXV APRILE N.86.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
il progetto "Ciak, si gira" fa parte del più ampio progetto "Vasari Festival show", rassegna di teatro, musica, forme d’arte Vasari Festival Show, organizzata dall’Istituto Comprensivo Vasari, sotto la direzione artistica dell’insegnante Sandra Guidelli e patrocinata da Comune e Provincia che vedrà coinvolti più di mille studenti dai 3 ai 14 anni, in manifestazioni aperte anche alla cittadinanza, disseminate su di una decina di location del nostro territorio. Dopo le commedie in lingua inglese dei ragazzi della scuola media, curati dalla professoressa Antonella Mazzoni, 13 sezioni di scuola dell'Infanzia e oltre 40 classi delle Scuole Primarie e Secondarie si esibiranno in spettacoli circensi, musicali e teatrali, in cui ogni studente potrà esprimere se stesso, anche attraverso un’alfabetizzazione emozionale e la valorizzazione di un utilizzo consapevole del proprio corpo. Gli studenti della professoressa Maria Elena Aratoli potranno mettere alla prova la propria formazione musicale in un concerto di pianoforte, che ha l’innegabile merito di sensibilizzare all'arte e motivare alla scuola, provando l'ebbrezza di esibirsi davanti ad un pubblico. Il concerto di coro e flauti della scuola Primaria, mirabilmente diretto dal professor Paolo Dioni e dalla maestra Marinella Verrazzani, incanterà il pubblico presente con note e canti.

Musica, canti ed attività espressive anche in lingua inglese saranno i protagonisti indiscussi dal 3 Marzo al 9 Giugno, quando le classi della Scuola Secondaria Vasari e delle scuole Primarie di Monte Bianco, Ceciliano, Giovi, Castiglion Fibocchi, Chiassa, Chimera e le scuole dell’infanzia di Tregozzano, Antria, Lippi, Quarata e Sitorni si esibiranno in fantastici spettacoli: feste finali di percorsi laboratoriali tesi a realizzare una scuola inclusiva, implementando la conquista della padronanza di sé e valorizzando la spontaneità e la creatività degli studenti, affinché ciascuno possa sentirsi interprete attivo del proprio percorso di crescita personale, arricchito di strumenti che consentano una più attenta lettura della realtà circostante.

Il clou dell'edizione 2017 del Festival sarà la proiezione del video/documentario su Giorgio Vasari, realizzato grazie al progetto "Ciak, si gira", che ha visto coinvolti l'Istituto Comprensivo Vasari e il Liceo Artistico Multimediale, con la collaborazione del Polo Museale Toscano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Covid: 78 nuovi casi nell'Aretino. Un 29enne ricoverato in ospedale

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

  • Ciclista trovato riverso sulla strada, l'appello della famiglia: "Se qualcuno ha visto, contatti la Municipale"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento