Il castiglionese Bentenuti, primo pilota di aerei disabile d'Italia e la favola del volo dei ragazzi in carrozzina

Abbattere le barriere materiali e mentali e permettere a chiunque di spiccare il volo. Non solo una metafora ma un’occasione offerta dalla Festa dell’aria, manifestazione che ha richiamato al Club Serristori di Castiglion Fiorentino oltre 130...

 

Abbattere le barriere materiali e mentali e permettere a chiunque di spiccare il volo. Non solo una metafora ma un’occasione offerta dalla Festa dell’aria, manifestazione che ha richiamato al Club Serristori di Castiglion Fiorentino oltre 130 disabili provenienti da tutta Italia. Per due giorni, portatori di handicap accompagnati da genitori, parenti o amici hanno potuto volare, provando l’ebbrezza di condurre un ultraleggero o salendo come passeggeri su un elicottero.

festa-aria2

Sono costretto su una sedia a rotelle – spiega Roberto – eppure oggi ho pilotato un aeromobile. La fase del decollo è un’emozione incredibile, una sensazione di infinita libertà che per noi è sempre difficile da trovare. Per questo iniziative di questo tipo sono così importanti. Ho anche fatto immersione.

Fra le varie attività proposte infatti anche quella di sommozzatori nella piscina del residence E poi ancora scherma, il tiro a segno o con l’arco, guida del go-kart o del quad.

festa-aria4

La Festa dell’aria è stata organizzata dall’associazione Baroni Rotti in collaborazione con il centro Aero Club Serristori con il patrocinio del comune di Castiglion Fiorentino ed è stata realizzata con il fondamentale contributo di Coloplast, azienda leader in Italia e nel mondo nello sviluppo di prodotti e servizi per persone disabili, oltre al sostegno di alcune imprese locali e nazionali.

Le presenze di questa terza edizione hanno superato quelle degli anni precedenti con partecipanti provenienti da tutta la penisola. festa-aria1

A Castiglion Fiorentino è nata la prima scuola di volo per portatori di handicap ed io sono stato il primo pilota italiano disabile. - racconta Franco Bentenuti, presidente dell’associazione Baroni Rotti – Non è stato un percorso semplice ma, sicuramente, ricco di tante soddisfazioni. Sono stati conseguiti molti brevetti da parte dei ragazzi diversamente abili e, negli anni, abbiamo pensato di proporre altre attività e altre discipline sportive. Tutti abbiamo bisogno di stimoli e obiettivi.

festa-aria3 @MattiaCialini

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento