Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giostra, vola ancora la Colomba. Scortecci il gigante e l'addio tra le lacrime a Napoleone

La stella di Gianmaria Scortecci oggi ha brillato più che mai. Porta Santo Spirito ha vinto la 137esima edizione della Giostra del Saracino, portando ai Bastioni la 36esima lancia. E dietro a questo successo c'è un gigante: un quartiere gigante...

La stella di Gianmaria Scortecci oggi ha brillato più che mai. Porta Santo Spirito ha vinto la 137esima edizione della Giostra del Saracino, portando ai Bastioni la 36esima lancia. E dietro a questo successo c'è un gigante: un quartiere gigante, ma anche un giostratore dal cuore grande, che di giostra in giostra è cresciuto. Fino ad arrivare nell'Olimpo dei giostratori.

Ma andiamo per ordine. Il primo giro di carriere si è concluso con con Colcitrone e Santo Spirito in vantaggio: 5 punti contro i 4 realizzati da Vernaccini per Porta del Foro e i 2 portati a casa da Marmorini per Sant'Andrea.

Porta del Foro ha proseguito con 4 punti marcati da Parsi. Poi il capitolo Cicerchia: la prima carriera è stata annullata. Il cavallo, esordiente, probabilmente spaventato dal movimento di qualche figurante in piazza, ha cambiato traiettoria, compromettendo così il tiro.

Un disturbo che ha animato la piazza, scatenando veri e propri tafferugli tra Santo Spirito e Sant'Andrea. Anche la polizia Locale è scesa tra i figuranti per sedare gli animi. Poi la seconda carriera, un 4.

E di nuovo si è scatenato il parapiglia, questa volta anche con i quartieristi di Porta del Foro e Porta Crucifera.

Poi la seconda carriera di Colcitrone che con Rauco ha marcato un 4 e infine Sant'Andrea. Un altro gigante, Vedovini, ci ha messo il cuore e il braccio: un impatto violentissimo e precisissimo. Un 5 netto che però non ha portato a spezzare la lancia. Non è bastato, anche se è valso l'applauso dell'intera piazza e di tutti i quartieri.

Nel video la sintesi della Giostra:





GLI SPAREGGI

A quel punto lo spareggio: tra Scortecci della Colombina e Vanneschi di Colcitrone non c'è stata storia. Il primo sul suo destriero 19enne, all'ultima giostra, ha marcato un altro, ineccepibile, 5. Il secondo, con ancora poca esperienza acquisita sul campo, ha marcato 2 punti. Esce a testa alta Colcitrone. Ma senza lancia. Mentre Santo Spirito ne esce vincente.

LA DEDICA

"Dedichiamo questa lancia al nostro quartiere - hanno detto i due giostratori - e a un quartierista in particolare, che adesso sta combattendo tra la vita e la morte in terapia intensiva alle Scotte dopo un incidente".

L'ULTIMA GLORIOSA GIOSTRA DI NAPOLEONE

Questa giostra è stata anche quella dell'addio del destriero di Scortecci alla piazza. Napoleone, sella italiano sauro, di 19 anni, ha accompagnato il giostratore nelle ultime edizioni della manifestazione. Porta bene i suoi anni, che restano comunque un limite per continuare a scendere in lizza. L'abbraccio di Scortecci dopo ogni cinque è stato commovente. E le lacrime, di sicuro non sono mancate.

COSì LE CARRIERE

Prima Serie di Carriere

Porta del Foro - Andrea Vernaccini 4
Porta Santo Spirito - Gianmaria Scortecci 5
Porta Crucifera - Lorenzo Vanneschi 5
Porta Sant'Andrea - Tommaso Marmorini 2

Seconda Serie di Carriere
Porta del Foro - Davide Parsi 4
Porta Santo Spirito - Elia Cicerchia 4
Porta Crucifera - Adalberto Rauco 4
Porta Sant'Andrea - Enrico Vedovini 5

Carriere di spareggio
Porta Santo Spirito - Gianmaria Scortecci 5
Porta Crucifera - Lorenzo Vanneschi - 2
Si parla di

Video popolari

Giostra, vola ancora la Colomba. Scortecci il gigante e l'addio tra le lacrime a Napoleone

ArezzoNotizie è in caricamento