Giostra Saracino

Giostra. Green pass e prenotazione per accedere alla piazza. Corteo ampliato ma niente pubblico in Corso Italia: cosa cambia

In vista della Giostra del Saracino di domenica 5 settembre, il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica ha messo a punto le regole per lo svolgimento della manifestazione che quest'anno vedrà una sola edizione

Per assistere alla Giostra di settembre, unica edizione dell'anno 2021, saranno necessari la prenotazione del posto a sedere, green pass o tampone effettuato entro le 48 ore precedenti con esito negativo. I posti in piedi non saranno previsti e il corteo storico antecedente all'ingresso in piazza avrà un percorso più ampio anche se alcune zone saranno off limits al pubblico. Questo è quanto definito durante la seduta odierna del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal prefetto di Arezzo Maddalena De Luca. Oggi, 29 luglio, i quattro rettori, il maestro di campo e il primo magistrato della Giostra hanno partecipato alla riunione alla quale hanno preso parte i vigili del fuoco, il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, il comandante della Municipale Aldo Poponcini, altri funzionari dell'amministrazione comunale, il comandante della polizia provinciale e tutte le forze dell'ordine. All'ordine del giorno, come detto, la definizione "della cornice di sicurezza da definire in occasione dell’edizione della Giostra del Saracino che si terrà il prossimo 5 settembre".

"La riunione - spiegano dalla prefettura aretina - ha costituito l’occasione per l’esame e la definizione di tutte le misure di safety e security oltre alla normativa Covid-19, affinché l’evento, così tanto atteso dalla città, si svolga in una cornice di massima sicurezza sia sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica che della salvaguardia della salute dei partecipanti ai fini del contenimento e del contrasto della diffusione dei contagi".

Ingresso in piazza e corteo: cosa cambia

Sarà consentito l’ingresso esclusivamente ai titolari di prenotazione del posto a sedere e del green pass o del tampone effettuato entro le 48 ore precedenti con esito negativo. È stata messa a punto la dislocazione di 4 tribune che saranno collocate anche negli spazi che negli altri anni erano previsti per gli spettatori in piedi, garantendo in questo modo la massima presenza possibile di posti a sedere, essendo esclusi posti in piedi anche per i figuranti. Sono state individuate le vie di fuga in caso di emergenza ed è stato predisposto il meccanismo dei servizi di sicurezza antincendio e sanitario.

Per quanto riguarda il corteo che precede la gara cavalleresca, esso si "svolgerà lungo le vie del centro cittadino secondo un itinerario ampliato allo scopo di consentire la visione quanto più ampia da parte del pubblico fermo restando per esigenze di sicurezza e per assicurare il distanziamento fisico alcune zone, come Corso Italia, saranno chiuse al pubblico".

L'auspicio, espresso dal prefetto, è quello di contare "sull’impegno e grande responsabilità che da parte dei Quartieri verranno messi in atto affinché l’evento si svolga in sicurezza in un clima di lealtà e correttezza e di rispetto delle regole".

Per il momento dunque le regole sono queste. Ma, come reso noto durante l'ultima seduta del consiglio comunale dal sindaco Ghinelli: "a ridosso del 5 settembre sarà evidentemente necessario un ulteriore check-up. Come noto, il governo ha prorogato lo stato di emergenza e se i provvedimenti attuali consentono di correre Giostra, da qui a fine agosto vedremo come si è evoluta la situazione sanitaria. Alcuni punti fermi li abbiamo comunque già messi: solo le tribune A, B e C potranno ospitare il pubblico e non ci saranno posti in piedi. Il numero complessivo di spettatori è ancora aleatorio, non posso dare adesso cifre esatte se non che le tre tribune saranno intorno al 50% della loro piena capacità. Ridurremo gli inviti istituzionali e senza ccompagnatore e lasceremo posti disponibili all’acquisto”.

Giostra: arriva il vaccino day per i figuranti. Due date per ottenere il green pass

Antiquaria: ritorno al Prato

Come consuetudine, contestualmente alla Giostra si terrà anche la Fiera Antiquaria che abbandonerà nuovamente strade e piazze del centro storico per approdare al Prato. Una versione già colladuata negli anni oltre che nei mesi passati quando, in conseguenza alle direttive anti Covid, la manifestazione ha riempito l'ovale tra duomo e fortezza medicea.

Il Comitato, insieme al sindaco di Arezzo e a quello di Terranuova Bracciolini, si è occupato della verifica dei dispositivi di sicurezza della festa del Patrono di Arezzo, nonché della festa del Perdono di Terranuova in programma dal 24 al 28 settembre.

Il sindaco: "Ultima decisione sulla Giostra a ridosso del 5 settembre in base all'andamento dei contagi"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giostra. Green pass e prenotazione per accedere alla piazza. Corteo ampliato ma niente pubblico in Corso Italia: cosa cambia

ArezzoNotizie è in caricamento