Giovedì, 23 Settembre 2021
Giostra Saracino

Sarà una Giostra tutta aretina: biglietti nominativi e solo ai residenti. Nessun aumento dei prezzi per il pubblico

Necessaria la residenza ad Arezzo e provincia per l'acquisto dei tagliandi. Costi: si va dai 30 euro in tribuna C ai 100 per le poltroncine (60 euro per le due tribune nuove). Da Euronics e Teletruria due schermi da 65 pollici a ogni quartiere per le dirette della prova generale e della Giostra

Poco meno di 1.500 biglietti in vendita, tutti nominativi e riservati ai residenti ad Arezzo e provincia. La Giostra del Saracino del 5 settembre sarà diversa dal solito per tanti aspetti, compresi quelli logistici e organizzativi. Le tribune per il pubblico, come noto, saranno quattro e non più due. Le due aggiuntive verranno posizionate lungo via Seteria e nel lato di piazza Grande che collega via Borgunto a piazza del Praticino, spazi solitamente riservati ai posti in piedi, con la capienza complessiva che verrà drasticamente ridotta per consentire il distanziamento tra gli spettatori.

Ai quartieri verrà riservato comunque un buon numero di tagliandi: 125 ciascuno per un complessivo di 500, circa un terzo del totale. Il resto verrà messo in vendita a partire da giovedì 26 o venerdì 27 agosto e l'intenzione del Comune, al momento, è quella di non consentire l'acquisto online. Per avere il ticket bisognerà presentarsi di persona e, tramite il documento d'identità, dimostrare di avere la residenza ad Arezzo. La Giostra, specie negli ultimi anni, è diventata anche una grande attrazione turistica, ma viste le circostanze (e i tormenti legati ai protocolli anti contagio), si è voluta salvaguardare l'aretinità.

I prezzi, nonostante gli oneri economici per l'organizzazione della manifestazione, resteranno invariati rispetto al passato: dai 60 ai 100 euro per le poltroncine, dai 40 ai 60 euro per la tribuna A, dai 40 ai 50 euro per la tribuna B, 30 euro per la tribuna C. I biglietti per le due tribune aggiuntive, che avranno il nome di due sponsor prestigiosi (tra cui un'importante azienda aretina), costeranno 60 euro.

Gli spettatori potranno accedere agli spalti soltanto con il green pass e nei prossimi giorni cominceranno gli appelli per un arrivo intelligente e in largo anticipo. L'obiettivo è evitare assembramenti sia prima dell'ingresso in piazza del corteo, sia alla fine della Giostra, quando un quartiere potrà festeggiare la lancia d'oro e porre fine nel modo migliore al lungo periodo di astinenza da Saracino.

La raccomandazione martellante da parte delle istituzioni, e anche dei quartieri, è di utilizzare il buonsenso non soltanto la domenica della Giostra ma anche nei giorni precedenti, in occasione delle cene propiziatorie, delle settimane del quartierista e durante l'avvicinamento alla manifestazione. Proibiti balli e serate disco, obbligatori servizio d'ordine, accessi contingentati e prenotazioni ai tavoli.

Proprio a questo scopo, Euronics e Teletruria metteranno a disposizione di ogni quartiere due schermi da 65 pollici per vedere in diretta, e in alta definizione, la prova generale e la Giostra. Stretti stretti dal punto di vista del tifo ma distanziati contro il covid.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sarà una Giostra tutta aretina: biglietti nominativi e solo ai residenti. Nessun aumento dei prezzi per il pubblico

ArezzoNotizie è in caricamento