Giovedì, 18 Luglio 2024
Giostra Saracino

Parla poco, vince tanto. Geppetti nella storia della Giostra: "Bravi e affiatati per restare in alto"

Il capitano di Porta Santo Spirito ha conquistato 13 lance d'oro, a un passo dal record di Raffaelli: "Mai avuto dubbi sul nostro valore, Scortecci e Cicerchia una fortuna per il quartiere. Il mio futuro? Penso a settembre, poi tirerò le somme"

Silenzioso, schivo, determinato e vincente. Marco Geppetti è il capitano di Porta Santo Spirito, l'uomo che disegna le strategie e motiva la squadra, disinnescando i pericoli che si celano dietro le vittorie e mettendo a frutto gli insegnamenti che si possono trarre dalle sconfitte. Con quella di giugno ha conquistato 13 lance d'oro ed è a un passo dal record di Guido Raffaelli, che con Porta Crucifera ne ha alzate 14.

Il prossimo obiettivo è a portata di mano ormai.

Calma, Ciuffino resta Ciuffino a prescindere dalle vittorie. Non so se io o qualcun altro riusciremo a battere il suo record ma non è un tema che mi appassiona. Guido Raffaelli l'ho conosciuto, è il capitano per eccellenza, un punto di riferimento per tutti.

L'ultima Giostra era terminata da poco, tu sei salito in tribuna con la lancia d'oro e hai urlato: "Non siamo finiti". A chi era rivolto quel messaggio?

A nessuno in particolare, solo uno sfogo dettato dall'adrenalina del momento. Ho scaricato la tensione di una Giostra intensa, combattuta, bellissima. Ma non avevo e non ho sassolini da togliermi dalle scarpe. 

Però li avrai sentiti i rumorsi degli scorsi mesi, i dubbi che circolavano, lo scetticismo che si era creato dopo il brutto 2023. Ti hanno dato fastidio?

No. Ci siamo chiusi nel nostro campo prove, abbiamo lavorato con la stessa serenità di sempre, consapevoli delle nostre qualità. Il gruppo è affiatato, non si resta ad alti livelli per tutto questo tempo se non ci sono le basi. 

Giostra 22 giugno 2024 - Santo Spirito vince la 145esima edizione.13

Dove l'avete vinta la Giostra?

Siamo rimasti sul pezzo fino alla fine. Potevamo chiuderla con Elia in settima carriera, non ci siamo riusciti e ce l'abbiamo fatta agli spareggi. A caldo non ho mai avuto paura di perdere, a mente fredda ho realizzato che poteva andare diversamente. Ma la Giostra è così.

Un doppio II l'anno scorso eppure il primo che avete mandato sulla lizza è stato di nuovo Scortecci. Perché?

Perché Gianmaria non si discute. Il doppio II per questione di millimetri non ha mai spostato il giudizio che io, il quartiere, tutti avevamo di lui. Il segnale era chiaro: vai tu perché la nostra fiducia è la stessa di sempre. Lui l'ha recepito ed è stato un input per tutta la squadra.

Scortecci è il più forte giostratore di sempre?

Difficile paragonare epoche diverse. Certo uno che colpisce il centro per sette volte di fila ha qualcosa in più degli altri, anche sul piano umano: l'abbraccio dei suoi colleghi dopo la vittoria è stato emblematico, in un ambiente dove non è facile mettere da parte la rivalità. Io comunque ragiono sempre in termini di coppia e dico che Scortecci e Cicerchia sono una fortuna per noi. Elia dette spettacolo a settembre 2022, non dimentichiamolo. 

Martino Gianni ha detto che Scortecci e Cicerchia possono arrivare a vincerne 25 di lance. E' veramente così?

Se lo dice Martino vuol dire che un fondo di verità c'è. Ma preferisco pensare al presente e alla gioia che ho provato in piazza. Sono un quartierista di vecchia data, con i miei amici ho vissuto il lungo periodo in cui perdevamo sempre e quindi oggi mi godo certi momenti ancora di più. La soddisfazione più bella è vedere il popolo felice. Di questo ringrazio Porta Santo Spirito.

Giostra 22 giugno 2024 - Santo Spirito vince la 145esima edizione.26

Quanto c'è di Marco Geppetti in questa lunga epoca di trionfi?

Dettagli e organizzazione. Sono due aspetti che mi stanno a cuore: la cura dei particolari e delle scuderie sono indispensabili per arrivare al top e restarci. Gli altri quartieri sono attrezzati, quindi c'è da sbagliare il meno possibile.

E' stata la prima vittoria senza Ezio Gori. Che effetto fa?

Ezio è un amico, ci è sempre stato accanto nei giorni precedenti la Giostra. Adesso posso dire che l'ho raggiunto: 13 lance d'oro lui, 13 io. Scherzavamo spesso su questo e devo anche riconoscere che il quartiere ha assorbito nel modo migliore la sua uscita di scena. Abbiamo tutti messo il bene comune davanti a quello personale. Sono contento anche per Giacomo Magi, che ha debuttato con una vittoria.

Da più parti si invoca il completamento del regolamento di Giostra, che in alcune parti è lacunoso. Sei d'accordo?

D'accordissimo. I quartieri hanno dato disponibilità da tempo ma non se n'è mai fatto nulla, non so per quale motivo. Spero stavolta vada diversamente.

A fine anno c'è il rinnovo dei consigli dei quartieri. Marco Geppetti è ancora disponibile a fare il capitano?

Adesso le mie priorità sono la cena della vittoria, gli allenamenti dell'estate e la Giostra di settembre. Poi, passata quella, tirerò le somme e prenderò una decisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parla poco, vince tanto. Geppetti nella storia della Giostra: "Bravi e affiatati per restare in alto"
ArezzoNotizie è in caricamento