rotate-mobile
Giostra Saracino

Il cugino di Montini ferito nell'incidente sul raccordo. La trepidazione del mondo della Giostra

Alessio, 19 anni, tamburino degli Sbandieratori, trasportato a Careggi con Pegaso. La sua è una famiglia da sempre molto attiva nell'ambiente del Saracino

Il terribile incidente di ieri mattina lungo il raccordo autostradale, in cui è deceduto l'81enne Nereo Agnolucci, ha toccato da vicino il mondo del Saracino. In sella alla moto che si è scontrata con l'autocarro viaggiava infatti Alessio Montini, 19 anni, tamburino del gruppo Sbandieratori e cugino di Saverio Montini, giostratore di Porta Sant'Andrea.

Il ragazzo si trova ricoverato all'ospedale Careggi di Firenze, dove è arrivato con l'elisoccorso Pegaso dopo il drammatico impatto. Le sue condizioni sono gravi ma per fortuna non è in pericolo di vita. Alessio è un appassionato di motori e percorreva il raccordo a bordo della sua Ducati quando è si è trovato davanti l'autocarro, centrato in pieno. 

La notizia è giunta velocemente fino in piazza Grande, dove nel pomeriggio si è svolta la seconda giornata di prove contro il buratto. La famiglia Montini è molto conosciuta nell'ambiente: Andrea, il padre di Alessio, è stato per anni una colonna portante delle scuderie biancoverdi e attualmente è il palafreniere del maestro di campo. Lo zio Marco, appassionato di Giostra, in passato ha svolto un ruolo attivo negli Sbandieratori.

Per Saverio Montini, molto legato al cugino, una giornata di palpabile tensione, sciolta parzialmente sulla lizza. Per lui due tiri contro il buratto: uno finito largo sul II e l'altro che ha colpito il V. Oggi terzo giorno di prove, sperando che da Firenze arrivino buone notizie, come si augurano tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cugino di Montini ferito nell'incidente sul raccordo. La trepidazione del mondo della Giostra

ArezzoNotizie è in caricamento