rotate-mobile
Giostra Saracino

Giostra: è Tripolino l'uomo da battere. La classifica dei cavalieri più vittoriosi

Una panoramica sui giostratori che hanno fatto la storia del Saracino e contribuito a rendere grande il nome del proprio quartiere

Rimane imbattuto il record di lance d'oro conquistate dal leggendario Tripoli Torrini. Quel piccolo uomo nato sulle sponde del lago Trasimeno e morto a 101 anni è ancora oggi il cavaliere più vittorioso. Quello da battere. Con alle spalle una lunga carriera trascorsa in sella dividendosi tra il Palio di Siena e la Giostra del Saracino, "Tripolino" resta per tutti l'uomo che più di ogni altro ha segnato la storia della competizione cavalleresca aretina.

Quindici le vittorie conseguite con tre quartieri diversi: nove con Colcitrone, 2 con Sant'Andrea e quattro con Porta Santo Spirito. Trentasette sono le carriere disputate dal 1932 al 1969. Un gradino sotto di lui, c'è Donato Gallorini. "Donatino" fece il suo esordio in Giostra il 7 agosto 1932 vestendo i colori di Porta Crucifera dove rimase fino al 1936. Nello stesso anno fu il quartiere di Porta Santo Spirito a reclutarlo. In totale Gallorini disputò 45 giostre dal 1932 al 1970. L'ultima vittoria è quella che conquistò nel 1967 in coppia con Paolo Giusti per i gialloblu. La 'lancia al chiodo' la appese a 60 anni. È ancora oggi il cavaliere più 'longevo' della storia. Sempre 14 sono le vittorie conquistate da Arturo Vannozzi e non 13 come erroneamente riportato in primo momento. Capostipite di tre generazioni di grandi cavalieri che hanno legato indissolubilmente il proprio nome a Porta Crucifera anche se, Arturo fece il proprio esordio nel 1935 indossando i colori di Sant'Andrea. Il 13 giugno del 1937 arrivò la prima vittoria in rossoverde in coppia con Tripolino. Il cavaliere rimase a Colcitrone fino al 1958 ottenendo 12 vittorie. Nel 1959 passò a Porta del Foro dove rimase fino al 1962 vincendo l'edizione del 1960.

13 è il numero di Martino Gianni, il re della piazza. Nella storia del quartiere di Porta Sant'Andrea, al quale lui ha dedicato interamente la propria carriera agonistica, Gianni è quello con il maggior numero di vittorie. 39 le giostre disputate dal 1984 al 2003. Dopo aver passato quasi 20 anni in sella come giostratore, Martino arriva in casa della Colombina tra il 2010 e il 2011. Sotto la sua guida sono cresciuti e si sono affermati come "i ragazzi terribili" Elia Cicerchia e Gianmaria Scortecci. Il matrimonio con Porta Santo Spirito, in qualità di preparatore atletico, termina a settembre del 2017.

Enrico Vedovini, Ucelino, come lo chiamano a Sant'Andrea, ha nel suo palmares 12 lance d'oro. Arrivato in via delle Gagliarde nel 1997 ha esordito in piazza facendo coppia con Maurizio Siepacci. Dal 2001 e fino a giugno del 2004 ha diviso la lizza con Martino Gianni. A settembre dello stesso anno invece, in casa dei biancoverdi arrivò Stefano 'Bricceca' Cherici. Un'unione che è andata avanti fino al 2017 con ben dieci edizioni conquistate. La sua ultima Giostra del Saracino l'ha corsa nel settembre 2021 insieme a Tommaso Marmorini, cavaliere che ha preso il posto di Cherici in lizza. Dodici vittorie anche per Elia Cicerchia e Gianmaria Scortecci di Porta Santo Spirito. Dopo il loro esordio nel 2012, la coppia gialloblu ha conquistato 12 lance d'oro riuscendo a portare il quartiere in cima all'albo d'oro della Giostra.

Franco Ricci e Alessandro Vannozzi vantano entrambi con 11 vittorie sul loro curriculum. Franco Ricci ne ha conquistate due con il quartiere di Porta Crucifera e 9 con Sant'Andrea. Alessandro Vannozzi invece ha sempre indossato i colori di Colcitrone. L'esordio di Ricci nel quartiere biancoverde risale al 1968 quando corse insieme a Tripoli Torrini. Il cavaliere, detto "il bello" è rimasto a Sant'Andrea fino al 1990. In tutto sono 22 le giostre disputate con questi colori. Alessandro Vannozzi invece esordì in lizza il 28 agosto 1994 in coppia con Marco Filippetti. Figlio e nipote d'arte, fin da subito ha indossato i colori di Porta Crucifera. La sua prima vittoria arrivò nel settembre del 1995. L'anno successivo scese in lizza insieme al padre Eugenio, un evento unico che ancora oggi non ha pari. Alessandro ha corso 42 giostre e riportato 10 vittorie. Dopo una parentesi come allenatore e preparatore tecnico di Porta del Foro, è tornato a Colcitrone per ricoprire lo stesso ruolo.

La classifica dei cavalieri più vittoriosi

15 vittorie Tripoli Torrini.
14 vittorie Donato Gallorini e Arturo Vannozzi.
13 vittorie Martino Gianni.
12 vittorie Enrico Vedovini, Elia Cicerchia e Gianmaria Scortecci.
11 Franco Ricci e Alessandro Vannozzi.
10 vittorie Stefano Cherici.
9 vittorie Giuseppe Neri, Eugenio Vannozzi, Luca Veneri.
8 vittorie Mario Capacci, Marco Filippetti, Maurizio Sepiacci, Gabriele Veneri.
7 vittorie Carlo Farsetti, Paolo Giusti, Paolo Parigi.
6 vittorie Vincenzo Verità.
5 vittorie Daniele Gori.
4 vittorie Antonio Chianese, Marcello Formica, Silvano Gamberi, Bruno Gori, Antonio Martini, Gabriele Tabanelli.
3 vittorie Ivo Bottacci, Marco Cherici, Enrico Giusti, Massimo Montefiori.
2 vittorie Giovanni Cordini, Marino Gallorini, Gabriele Gamberi, Alessandro Ghinassi, Maurizio Gori, Vittorio Marraghini, Azelio Mugnai, Vittorio Zama.
1 vittorie Fabio Albiani, Giuseppe Cangioloni, Pier Giovanni Capacci, Giovan Battista Casucci, Priamo Ducci, Filippo Fardelli, Assuero Favi, Duilio Gabrielli, Giorgio Giorgeschi, Fernando Leoni, Tommaso Marmorini, Quinto Moroni, Attilio Tanganelli, Gianni Vignoli, Gabriele Innocenti, Davide Parsi, Adalberto Rauco, Lorenzo Vanneschi.

Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2022

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giostra: è Tripolino l'uomo da battere. La classifica dei cavalieri più vittoriosi

ArezzoNotizie è in caricamento