menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notte di festa: in 3.300 a tavola per le cene propiziatorie, sfidando il meteo

I quattro quartieri si riuniscono a tavola per "propiziare" il successo nella Giostra. Ecco menù e location dei banchetti. Tutti hanno allestito all'aperto

Una notte di sogni, speranze e brindisi. Tornano le cene propiziatorie e i quattro quartieri limano i dettagli. Tutti hanno allestito all'aperto, sfidando il codice giallo meteo che dura fino alle 22 ma si suppone che la pioggia, all'ora di cena, sia terminata. Circa 3.300 a tavola tra i quattro quartieri. Sperando che tutti i partecipanti si godano la festa, senza esagerare.

Porta San Lorentino, pur avendo contemplato un piano B al chiuso di Arezzo Fiere e Congressi, ha poi deciso di apparecchiare fuori porta San Lorentino, come spesso è accaduto nel recente passato. In tavola l'antipasto tradizionale e poi ravioli e brasato.

Porta Crucifera ha mille prenotazioni. Mai pensato alla cena al chiuso, al più si aspetta che finisca di piovere. Lasagne e arrosto misto per soddisfare i commensali.

Porta Sant'Andrea, dopo il restauro di Porta Trento e Trieste avrà una nuova disposizione per il palco d'onore dei giostratori (stavolta presenti anche le riserve Montini e Bruni, oltre ai titolari Vedovini e Marmorini). Immancabili i ravioli al sugo per gli 850 a tavola.

Porta Santo Spirito conferma la location lungo i giardini, accanto ai bastioni. Si siedono in 650 all'aperto, non ci sono alternative. Sui piatti le lasagne e le bistecche alla griglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento