Cultura

Giostra, l'amarezza degli sconfitti. Colcitrone: "Carriere disturbate, trattamento impari". Sant'Andrea: "Fiducia nei nostri giostratori"

Per un vincitore ci sono tre perdenti. Ed è difficile mandare giù una sconfitta quando nell'albo d'oro i quartieri sono a poche lance di distanza. Così come è difficile digerire di arrivare agli spareggi e non riuscire a spuntarla. E' quanto è...

ciuffino in piazza

Per un vincitore ci sono tre perdenti. Ed è difficile mandare giù una sconfitta quando nell'albo d'oro i quartieri sono a poche lance di distanza. Così come è difficile digerire di arrivare agli spareggi e non riuscire a spuntarla.

E' quanto è successo a Colcitrone:

I nostri ragazzi sono tornati al quartiere accolti da un fragoroso applauso - dice il capitano Rodolfo Raffaelli - perché loro sono stati fantastici. Hanno dato tutto e il quartiere è con loro. Mentre siamo molto rammaricati per quanto accaduto in piazza. Abbiamo molto da recriminare.

Cosa?

Entrambe le carriere dei nostri giostratori sono state disturbate dai figuranti di Sant'Andrea.

Come?

Hanno tirato manciate di sabbia ai cavalli. Per questo, come è stata fatta correre nuovamente la carriera di Cicerchia per Porta Santo Spirito, anche noi avremmo dovuto ricorrere. Almeno l'ultima carriera, quella dello spareggio. E' per questo che siamo corsi incontro al maestro di campo. Abbiamo tentato di spiegare le nostre ragioni. Lui addirittura ha detto che si sarebbe dimesso. Ma la carriera non è stata ripetuta.

PORTA SANT'ANDREA

Amaro in bocca anche per Porta Sant'Andrea. "Ci dispiace per com'è andata - dice il rettore Maurizio Carboni - ma siamo consapevoli di avere una grandissima coppia che ha la totale fiducia mia e del quartiere. Ci rifaremo il prossimo il anno, ne sono certo, perché ho visto un grande quartiere e sono sicuro che Tommaso Marmorini ed Enrico Vedovini ci daranno ancora grandi soddisfazioni.

Poi un commento sui tafferugli avvenuti in piazza. "Nella giostra di settembre c'è sempre un pizzico di pepe in più - dice il rettore - anche perché ci sono tre quartieri in cima all'albo è normale un po' di tensione". Poi la conferma dell'allontanamento di un quartierista dalla piazza: "E' stato fatto uscire perché, a quanto sono riuscito a capire dalla nostra postazione, nel momento in cui Elia Cicerchia correva contro il buratto, il figurante si è avvicinato alla lizza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giostra, l'amarezza degli sconfitti. Colcitrone: "Carriere disturbate, trattamento impari". Sant'Andrea: "Fiducia nei nostri giostratori"

ArezzoNotizie è in caricamento