Giorno del Ricordo. Le Foibe e l’Esodo Istriano. Le celebrazioni a Castiglion Fiorentino

Alla fine della seconda Guerra Mondiale gran parte delle province di Trieste e Gorizia l’Istria e Fiume, con la città di Zara, vennero cancellate dalla carta geografica dell’Italia; i circa 350 mila abitanti di quelle zone vennero costretti a...

foibe-ricordo

Alla fine della seconda Guerra Mondiale gran parte delle province di Trieste e Gorizia l’Istria e Fiume, con la città di Zara, vennero cancellate dalla carta geografica dell’Italia; i circa 350 mila abitanti di quelle zone vennero costretti a lasciare lavoro, case, cimiteri, per cercare scampo altrove, condannati a mai più ritornare nelle loro terre. Infine, sempre in quel tragico periodo, 15mila persone furono barbaramente trucidate.

Con la legge n.92 del 30 marzo 2004, ogni anno il 10 febbraio viene celebrato il Giorno del Ricordo per conservare e rinnovare il Ricordo, appunto, dell’esodo istriano e delle Foibe, una tragedia del ‘900. Per l’occasione è stata realizzata una brochure che da domani, 10 febbraio, verrà distribuita sia alla cittadinanza che alle scuole.

“L’amministrazione comunale con questa iniziativa dimostra, con senso di responsabilità, di tenere a cuore questa giornata che ricorda le vittime delle Foibe. Auspico che questa ricorrenza sia celebrata in tutti i comuni italiani con la stessa sensibilità dimostrata dalla nostra amministrazione perché in quella tragedia furono uccise migliaia d’italiani” dichiara il consigliere Bruno Buccelletti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il compito delle Istituzioni, oggi, è offrire strumenti di conoscenza, soprattutto alle giovani generazioni, affinché si frantumi quel muro di oblio che non permette di conoscere quelle tragiche vicende. L’amministrazione comunale ha deciso, dunque, d’investire su questo progetto. Si tratta, a ben vedere, piuttosto della volontà di far sapere, di offrire – anche in questo caso – alla cittadinanza, strumenti di conoscenza” conclude Massimiliano Lachi, assessore alla Cultura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento